Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Agguato a Francesco Bianco, un fermo

perquisita anche l'abitazione del leader di Casapoung Gianluca Iannone

I carabinieri lo hanno praticamente buttato giù dal letto, all’alba, per portarlo in caserma: Carlo Giannotta, 58 anni, attuale responsabile della sede di Acca Larenzia, avrebbe delle responsabilità in relazione al ferimento di Francesco Bianco, l’ex militante dei Nar gambizzato il 2 gennaio scorso a Bagni di Tivoli. Il decreto di fermo è stato disposto dal procuratore De Ficchy.

Secondo gli investigatori, giannotta avrebbe delle responsabilità pesanti nell’agguato a Bianco, ferito alle gambe e ad una mano da tre colpi di pistola sparati da una persona a bordo di uno scooter guidato da un complice. Il movente, pare, sarebbe da ricercare in una sorta di guerra interna alla destra romana: dissidi legati alla gestione della sede storica di acca larentia, anch’essa perquisita, e sulla linea politica da seguire. I carabinieri hanno eseguito anche delle perquisizioni nelle case di altre persone, tutte di destra, tra cui spicca il leader di casapound Gianluca Iannone.

[13-01-2012]

 
Lascia il tuo commento