Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Ferrari 2012, il 3 febbraio la presentazione

La rossa sar presentata ai media e ai partner presso la pista di Fiorano. Il debutto giorno 7 a Jerez de la Frontera

"Un anno importante e delicato". Dopo le delusioni del 2011, la Ferrari è chiamata a riscattarsi nel Mondiale 2012. Lo dice il team principal Stefano Domenicali a Madonna di Campiglio, nella tradizionale kermesse di inizio anno. Il Cavallino si metterà in moto il 3 febbraio con la presentazione della nuova monoposto. Il primo semaforo verde scatterà il 18 marzo in Australia. "Affrontare il campionato con ansia non aiuta. Sappiamo che la stagione sarà importante e delicata sotto tanti punti di vista, ma questo fa parte dello sport. La Ferrari è abituata a vivere in questo contesto", dice Domenicali. "Ovviamente dobbiamo gestire le aspettative nel modo migliore. Bisogna mantenere la calma, si deve agire con determinazione e allo stesso tempo con tranquillità. Non bisogna abbattersi se le cose non dovessero andare bene all'inizio e non bisogna esaltarsi se dovessero funzionare", aggiunge. 

La scuderia di Maranello punta ad offire una monoposto da titolo a Fernando Alonso e a Felipe Massa. Allo spagnolo non si può rimproverare assolutamente nulla per i risultati del 2011: "Le prestazioni di Alonso, considerata la monoposto che avevamo, sono state incredibili. È stato in grado di ricavare il massimo dalla macchina. Non gli si può chiedere di più", dice Domenicali, impressionato dall'impegno e dalla dedizione del driver asturiano."Negli ultimi due anni ha passato a Maranello più tempo di quanto abbia visto fare a chiunque altro nei miei 20 anni alla Ferrari. Alonso è con noi perchè crede nella nostra squadra e nella possibilità di vincere", evidenzia. Diverso, inevitabilmente, il discorso relativo a Massa. Il brasiliano, all'ultimo anno di contratto, deve cancellare il deludente 2011. "È un anno importante per Felipe. Ci aspettiamo molto da lui: dobbiamo essere realisti, è una stagione cruciale per lui e per il suo futuro", dice Domenicali, ottimista sulla stagione del verdeoro: "Faremo il possibile per aiutarlo, sono fiducioso che Felipe riuscirà ad ottenere il massimo. Il suo potenziale è molto, molto alto. So che Felipe, quando è sotto pressione, rende meglio. Mi aspetto una grande annata". La Ferrari schiera in pista la stessa coppia degli ultimi due anni.

Dietro le quinte, si registrano una serie di novità. Steve Clark, proveniente dalla Mercedes, sarà il responsabile degli ingegneri in pista. Hirohide Hamashima, ex direttore dello sviluppo degli pneumatici per la Bridgestone, sarà il responsabile del 'tyre development' del team. Il nipponico vanta una lunga esperienza nel 'circus', avendo guidato il lavoro della Bridgestone dal 1997 al 2010. "Lo scorso anno -dice il team principal- non siamo riusciti a sfruttare completamente le gomme. Hamashima avrà la responsabilità di un nuovo progetto rivolto all'approfondimento di un aspetto cruciale per la prestazione come l'interazione fra il comportamento della monoposto e quello degli pneumatici e sarà anche il nostro punto di riferimento tecnico nei rapporti con la Pirelli. Lui e Clark -chiarisce Domenicali- risponderanno al direttore tecnico Pat Fry".

MONTEZEMOLO -  La nuova Ferrari è «bruttina», come Stefano Domenicali l'ha giocosamente definita in televisione? "Spero sia schifosa...Se fosse solo bruttina mi preoccuperei", ha risposto Luca di Montezemolo, appena raggiunto in elicottero Madonna di Campiglio e il meeting Wrooom. Una parafrasi di Enzo Ferrari, che diceva che era meglio una Ferrari brutta e vincente che una Ferrari bella e basta. Montezemolo ha anche scherzato in giapponese («Arigatò», ha salutato così i giornalisti alludendo all'ingaggio di Hiroide Hamashima quale consulente per gli pneumatici), e poi ha giocato anche con Stefano Domenicali: "Mi dispiace per lui, ma ci sarà un cinese. Deve prenderne atto. Bisogna che vinca assolutamente quest'anno perchè c'è pronto un cinese". E per presidente che nazionalità si profila? "Un italiano fino al midollo almeno fino al 2042", ha sorriso. 


Vincenzo Samà
 
 

[11-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE