Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Gioco d'azzardo in crescita

l'allarme lanciato da Libera. Roma al primo posto per numero di sale da gioco. Don Ciotti: "Un danno sociale ma anche umano"

È di 1260 euro pro-capite l’anno la spesa di ogni italiano che tenta la fortuna tra videopoker, lotterie e sale bingo. 400mila sono le slot-machine in Italia, una macchinetta mangia-soldi ogni 150 abitanti. Il fatturato totale del settore per il 2011 è di 76 miliardi per l’azzardo ufficiale, sono 10 invece i miliardi provenienti da quello illegale. Il primato spetta alla Lombardia con oltre 2 miliardi, seguita dalla Campania con un miliardo e sette. Il Lazio è al terzo posto con i suoi 1,6 miliardi. Roma vanta comunque il primo posto per numero di sale, 294 e più di 50mila slot-machine distribuite in città e provincia.

Il dossier Azzardopoli di Libera

Un terreno, quello del gioco d’azzardo, che ha visto sempre più l’infiltrazione della mafia, divenuto l’undicesimo concessionario occulto del monopolio che si affianca ai dieci ufficiali. Lo fa alternando le reti telematiche, evitando così di pagare il 12% dovuto allo Stato.

“Un danno sociale ma anche umano”, lo ha definito don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Sono infatti 800mila le persone dipendenti dal gioco e altri 2 milioni di giocatori sono a rischio. Il fondatore di Libera ha poi rivolto critiche alle imprese che gestiscono questo business, additando come trappole psicologiche le loro campagne pubblicitarie e chiedendo agli organi competenti la promozione di campagne d’informazione, leggi giuste e prevenzione.

"Bisognerebbe applicare - ha aggiunto Ciotti- le direttive dell'Oms che dicono che la dipendenza da gioco è una malattia sociale e va fatta prevenzione". Libera sollecita, una legge quadro sul gioco d'azzardo, di limitare i messaggi pubblicitari e di marketing; promuovere campagne di informazione, di consentire ai giocatori dipendenti il diritto di usufruire di cure e benefici.


[10-01-2012]

 
Lascia il tuo commento