Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, il rientro buono: Chievo battuto 2-0

Doppietta di Totti su calcio di rigore. Unica flessione nella prima parte della ripresa.

Aveva promesso che sarebbe tornato al gol all’inizio del nuovo anno, ed è stato di parola. L’autoironica maglietta “scusate il ritardo” sfoggiata da Francesco Totti fa da gradevole cornice ai primi due gol in campionato, entrambi su rigore e contro un portiere “specializzato” nel neutralizzarli, ed è il simbolo della prima vittoria della Roma nel 2012. Dall’altra parte, un Chievo non semplice da affrontare, che si è tenuto in vita fin quasi al finale e, nella prima parte del secondo tempo, ha perfino sfiorato il pareggio in un paio di occasioni. Alla fine, è arrivato un 2-0 meritato, non brillante come le ultime uscite dell’anno passato ma che dà comunque continuità in fatto di punti e morale.

PRIMO TEMPO – Viste le ricadute di Rosi e Borini, quasi obbligate le scelte di Luis Enrique, che rispolvera José Angel sulla sinistra spostando Taddei a destra, e il tridente Totti-Lamela-Bojan in attacco. A centrocampo Fabio Simplicio viene preferito a Gago. L’inizio dei giallorossi è a passo di carica: al 4’ minuto doppio miracolo di Sorrentino su due conclusioni dalla distanza di Lamela e Pjanic. Al 21’, con il Chievo che pian piano prende le misure del campo, Bojan viene lanciato da De Rossi e conclude dai 16 metri impegnando ancora Sorrentino, quando avrebbe potuto servire l’accorrente Pjanic. Al 33’ la svolta: consueta fiammata di Lamela sulla sinistra, l’argentino viene steso sulla linea di fondo e Francesco Totti, stavolta, trasforma il rigore:  a nulla vale il piazzamento quasi beffardo di Sorrentino, nettamente spostato sulla destra per invitare il capitano al tiro sull’angolo “insolito”. Al 35’ il primo e unico tiro in porta pericoloso del Chievo, con Hetemaj che sfiora il palo di pochissimo dai 25 metri, ed è l’ultima emozione del primo tempo.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre con un netto rigore negato a Bojan dopo appena tre minuti. E’ però un fuoco di paglia, perché il Chievo sfrutta l’allungamento delle squadre ed esce bene. Al 7’ Pellissier gira a lato da distanza ravvicinata un bel cross di Luciano. Al 17’ Moscardelli, entrato in campo per Paloschi, si addormenta tutto solo a pochi metri da Stekelenburg. Luis Enrique corre ai ripari, e azzecca l’ingresso di Fernando Gago per Simplicio. A quel punto la Roma ritrova l’equilibrio, e trova anche il gol della sicurezza: al 31’ chiaro fallo di mano di Cesar in scivolata in area su giocata di Bojan ed è il secondo rigore, che di nuovo Francesco Totti trasforma. Sono accademia i cambi di Di Carlo, con Rigoni e Uribe per gli ammoniti Hetemaj e Threreau, mentre nella Roma ovazione per Daniele De Rossi che lascia il posto a Greco, e ovviamente anche per Totti che esce per Caprari. In extremis occasione del terzo gol, con un velocissimo triangolo Gago-Bojan-Gago, e quest’ultimo che mette a lato di poco.
Ottimo avvio d’anno, dunque, per gli uomini di Luis Enrique, che pure hanno sofferto l’assenza di Osvaldo in attacco, con Bojan brillante ma di minore sostanza. Bene Lamela e Pjanic, benissimo Totti e De Rossi, nella speranza che la telenovela del contratto possa concludersi nel migliore dei modi. Positiva la prima in tribuna di Pallotta.

Simone Luciani

Roma-Chievo 2-0

ROMA: Stekelenburg; Taddei, Juan, Heinze, Josè Angel; Simplicio (23'st Gago), De Rossi (34'st Greco), Pjanic; Lamela, Totti (43'st Caprari), Bojan. (Curci, Kjaer, Cicinho, Viviani). All.: Luis Enrique.
CHIEVO: Sorrentino; Frey, Andreolli, Cesar, Jokic; Luciano, Bradley, Hetemaj (36'st Rigoni); Thereau 6 (37'st Uribe); Pellissier, Paloschi (14'st Moscardelli). (Puggioni, Sardo, Morero, Vacek). All.: Di Carlo.
ARBITRO: Russo di Nola.
MARCATORE: 34'pt Totti (R); 33'st Totti (R)
NOTE: pomeriggio nuvoloso, terreno in buone condizioni, spettatori 40.000. Ammoniti: Bojan, Totti, Hetemaj, Heinze.

[08-01-2012]

 
Lascia il tuo commento