Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Luis Enrique si tiene stretto De Rossi

Giallorossi alla ripresa del campionato orfani di Osvaldo, out per 2 mesi

"Non ho nessun dubbio che Daniele De Rossi rimarrà alla Roma, non sono preoccupato di nulla. Resterà perchè è quello che lui vuole". Il tecnico della Roma Luis Enrique, alla vigilia della ripresa del campionato che domani vedrà la squadra giallorossa affrontare all'Olimpico il Chievo, esclude categoricamente che De Rossi possa separarsi dalla Roma. Lo spagnolo ha però sottolineato che "calciatori del livello di Daniele non dovrebbero arrivare a scadenza, il rinnovo di contratto doveva arrivare tanto tempo fa. Tanti calciatori però non pensano solo ai soldi, sappiamo cosa rappresenta Daniele per i romanisti e cos'è la Roma per Daniele". Perdere De Rossi a gennaio? "No, e nemmeno in estate - ha ribadito Luis Enrique durante la conferenza stampa di Trigoria -. Lo vedo allenarsi sempre col sorriso, non vedo una soluzione pericolosa". Dopo aver affrontato il tema De Rossi, l'asturiano si è soffermato anche sull'infortunio di Osvaldo, costretto ai box per due mesi a causa di un problema muscolare. "È stato un peccato perchè stava diventando un punto di riferimento per la squadra, ma sono cose che capitano". Intervenire sul mercato? "L'unica cosa che ho chiesto alla società è lo sfoltimento della rosa, che ancora va ridotta". Infine, per la gara in programma domani contro il Chievo, Luis Enrique si aspetta di vedere la stessa voglia e determinazione mostrata prima della sosta. "Sarà comunque una partita difficile contro un avversario bravo a difendersi e poi a colpire in contropiede". 

La Roma ha avito molti infortuni ma il tecnico giallorosso non è preoccupato. "Il calcio è uno sport durissimo e i calciatori devono sapere che hanno bisogno di una vita quasi monacale. È difficile perchè sono giovani e pensano che sia tutto facile, ma devono vivere ogni momento con professionalità, come fanno i miei giocatori. Per quanto riguarda Osvaldo l'infortunio è arrivato per un colpo di tacco, uno dei movimenti più pericolosi, ma non sono preoccupato per gli infortuni. L'importante è controllare l'alimentazione, il riposo", spiega l'allenatore giallorosso. La Roma domani alla ripresa del campionato affronterà un Chievo molto temibile. "La fine dello scorso anno forse era il miglior momento della nostra stagione, ma la sosta credo potrebbe essere un punto buono per noi. Con il Chievo sarà una partita difficile contro un avversario che ha un grande posizionamento difensivo e grandi ripartenze, è una squadra difficile che farà una buona partita. L'ha fatta con la Lazio e per noi è uno stimolo per rinforzare quanto fatto nelle ultime giornate. Mi aspetto una motivazione incredibile dai ragazzi ma voglio vedere la stessa voglia di essere una squadra, che va veloce al gol, una squadra che attacca e difende tutti insieme. Una squadra con ambizione".

Vincenzo Samà
 
 

[07-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE