Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Lazio, Reja non si fida del Siena

I biancocelesti aprono il 2012 in Toscana con Hernanes in panchina

"C'è sempre un punto di domanda quando si torna da una sosta abbastanza lunga. Dal punto di vista mentale, e soprattutto nervoso, ci serviva un pò di riposo. Mi auguro di aver lavorato bene. Anche chi ha ritardato dai viaggi lunghi, a cui abbiamo dato un programma, è in buona condizione. Il Siena è una squadra molto aggressiva, un campo difficile e piccolo. Una squadra che lavora molto bene dal punto di vista tattico, sono bravi nelle ripartenze, soprattutto nelle zone laterali, e potrebbero farci soffrire. Dovremo rispondere colpo su colpo, sfruttando gli spazi, abbiamo qualità a livello tecnico e non dovremo dare loro l'opportunità di arrivare a concretizzare le situazioni che avranno". Edy Reja è pronto a ripartire. La sua Lazio sfiderà domani il Siena in una gara non facile dopo la sosta per le vacanze di Natale. Il tecnico biancoceleste probabilmente dovrà fare a meno di alcune pedine non al meglio, tra questi Hernanes. "È tornato, non stava benissimo quando è partito, per un problema all'adduttore, solo negli ultimi due giorni ha toccato la palla. Ieri ho parlato con lui, si sente bene, valuterò domani ma preferirei mandare in campo chi sta bene ed ha lavorato tutta la settimana, onde evitare ulteriori rischi. Penso di portarlo in panchina e se ci sarà la necessità durante la gara lo utilizzerò", spiega il tecnico che fa lo stesso discorso per Dias. "Sembrava non volessero farlo ripartire dal Brasile per il problema burocratico con i figli gemelli e perchè il volo era stato stato cancellato. Domani andrà in panchina. Valuterò la sua disponibilità. Mi ha detto che è pronto, ha lavorato. Abbiamo un paio di giorni davanti per valutare, lui fisicamente si sente bene".

Discorso diverso per Matuzalem. "Lui sta bene. Se mi ha deluso? Mi ha detto che ha avuto dei problemi seri a livello familiare, oggi ha lavorato e vorrei recuperarlo in una settimana". Chi è invece molto carico è Djibril Cisse. "È arrivato carico, ha perso qualche chilo e ha voglia di fare bene. Ritoccare il modulo per lui? Con lui ci parlo molto, si sente prima punta, ma ha fatto bene anche partendo largo sulla trequarti. Deve trovare fiducia", spiega Reja che sottolinea come la Lazio sia pronta per puntare a tutte le competizioni anche se "con questi infortuni non è facile mettere su una squadra". Out Konko. "Lui sarà fuori per una forte contrattura al polpaccio, si fermerà completamente per qualche giorno. Parlerò con i medici per non forzare". Da domani al 25 febbraio ci saranno 12 partite e gli infortunati lungo degenti per la Lazio sono molti, forse serve un intervento sul mercato. "La società sta monitorando giocatori di valore, senza fare acquisti che non siano pronti -ammette il tecnico-. Tare e il presidente si muovono per il mercato. Noi abbiamo un organico di buone qualità, se riuscissi a far si che i miei giocatori diano il massimo avremo già dei nuovi acquisti in casa. Alfaro? Non è ancora un nostro giocatore. È una punta centrale e noi ne abbiamo molte. Quando sarà fatto ne parleremo. Marchetti-Bizzarri? Domani gioca Bizzarri, finchè non recupererà Marchetti al 100%".


Vincenzo Samà
 
TAG: Lazio - Reja - Serie A
 

[06-01-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE