Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma vola a Bologna

Vittoria per 2-0 e partita a senso unico. In gol Taddei e Osvaldo.

La Roma prende il via. Dopo il pareggio con la Juventus e il trionfo di Napoli, la squadra di Luis Enrique, nemmeno lontana parente di quella vista appena tre settimane fa, strapazza il Bologna ben oltre quanto faccia intuire lo 0-2 finale. La gara non è stata, di fatto, mai in discussione, con Pjanic, Totti e Osvaldo in assoluta evidenza, e solo nel finale i rossoblù hanno impensierito, in un comprensibile calo di tensione, la retroguardia giallorossa.

PRIMO TEMPO – Luis Enrique, stavolta, evita stravaganze, e rispetto a Napoli inserisce il solo Pjanic al posto di Greco. Fin dall’inizio i giallorossi martellano i padroni di casa, e dopo appena 5 minuti Totti può battere a rete di sinistro da centroarea impegnando Gillet. Fin da subito risulta notevole l’intensità di gioco dettata dagli intermedi Pjanic e Fabio Simplicio. Al 17’ il vantaggio: calcio di punizione di Francesco Totti, deviazione di Perez e conclusione al volo di Taddei, che supera un incerto Gillet. E’ l’1-0 che spiana la strada agli uomini di Luis Enrique. Prima della mezz’ora due occasioni per Simplicio: sulla prima è bravo Gillet, mentre la seconda viene sparata alta da centroarea dal brasiliano. Nel finale di tempo sale in cattedra Osvaldo. Al 39’ l’italoargentino sfrutta un retropassaggio sbagliato, dribbla Gillet ma mette di poco a lato da posizione defilata. Appena un minuto dopo, però, il bomber chiude il match: servito da Lamela, autore di una prepotente discesa sulla trequarti, scaglia una sassata dai sedici metri che si infila sotto il sette alla destra del portiere del Bologna. E’ il meritato 2-0, in un primo tempo a senso unico.

SECONDO TEMPO – Pioli prova a cambiare l’inerzia del match con Mudingayi e Gimenez al posto di Casarini e dell’acciaccato Ramirez, ma la sinfonia per i padroni di casa, se possibile, peggiora. Nella prima mezz’ora, infatti, è praticamente impossibile elencare le occasioni da gol per la Roma. Su tutte, da segnalare un pallonetto di Lamela da posizione defilata che termina di poco alto, un diagonale di Osvaldo quasi a tu per tu con Gillet che finisce a lato e un miracolo del piccolo portiere bolognese su punizione dalla trequarti di Totti. Bojan, inserito al posto di Lamela, dà ancora più energie all’attacco giallorosso. Un paio, in tutto, le conclusioni a rete pericolose del Bologna, una di Diamanti e l’altra, dalla lunga distanza, di Morleo: su entrambe è bravo Stekelenburg. Al 32’ espulsione di Portanova per proteste. L’unico rammarico della gara, che si chiude con Greco e Viviani al posto di Pjanic e Simplicio, è il gol non trovato da Francesco Totti, pur eccellente in fase di costruzione del gioco: il capitano ci prova in tutte le maniere, ma la porta sembra stregata.

Un Natale così sereno, qualche settimana fa, non era nemmeno ipotizzabile: fa rabbia pensare questa stessa compagine venti giorni fa crollava a Firenze. La doppia, splendida prestazione contro Juve e Napoli sembra aver dato fiducia agli uomini di Luis Enrique, che da par sua ha solo in parte smussato una teoria del calcio che resta unica nel panorama italiano (guai a dar retta alle voci di chi la Roma non l’ha mai vista giocare). Se proprio si vuol trovare un difetto alla squadra vista a Bologna, è quello di aver concretizzato (molto) meno di quanto costruito. Ora non c’è che da sperare che la sosta non faccia male ai giallorossi, e che la risalita, ancora impervia, possa trovare la giusta continuità. Nota di merito a Osvaldo, alla faccia di chi diceva che il campionato italiano non è per lui.

Simone Luciani

Bologna-Roma 0-2
BOLOGNA: Gillet; Crespo, Raggi, Portanova, Morleo; Casarini (1'st Mudingayi), Perez, Kone (32'st Antonsson); Ramirez (1'st Gimenez), Diamanti; Di Vaio. (Agliardi, Cherubin, Pulzetti, Acquafresca). All.: Pioli.
ROMA: Stekelenburg; Rosi, Juan, Heinze, Taddei; De Rossi, Pjanic (27'st Greco), Simplicio (36'st Viviani); Lamela (23'st Bojan); Totti, Osvaldo. (Curci, Josè Angel, Perrotta, Gago). All.: Luis Enrique.
ARBITRO: De Marco di Chiavari.
MARCATORI: 17'pt Taddei, 40'pt Osvaldo
NOTE: serata fredda, cielo sereno, terreno in ottime condizioni, spettatori 20.000 circa. Espulso al 32'st Portanova per proteste. Ammoniti Osvaldo, Diamanti, Rosi, Koné, Perez. Angoli 4-2 per il Bologna. Recupero 0'pt, 3'st.

[22-12-2011]

 
Lascia il tuo commento