Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Lazio: grande carattere e un pari che va stretto

Ottima prova dei biancocelesti che non vanno oltre il pareggio nel big match contro l'Udinese: vantaggio di Floro Flores, pari di Lulic e sorpasso di Klose. Il goal del definitivo pareggio č dell'ex Pinzi

Una Lazio in buona forma impatta in casa contro l’Udinese, diretta concorrente per un posto in Champions League, dopo una partita avvincente, giocata, soprattutto nella ripresa, a viso aperto da entrambe le squadre. Tanti gli errori sotto porta dei giocatori biancocelesti che sono stati puniti da una disattenzione difensiva per tempo.

PARTITA – Reja a sorpresa lascia fuori Hernanes, ripropone Rocchi con Klose e conferma  Cavanda a destra. Anche per Guidolin scelte pesanti: fuori Di Natale e Armero, in attacco Torje e Floro Flores. La Lazio gioca da subito su ritmi elevati mentre l’Udinese aspetta e prova a giocare di rimessa. Al 14’ Lulic trova Cavanda libero sul secondo palo ma il laterale belga è in ritardo e colpisce malamente. Al 17’ Rocchi da fuori calcia alto. Al 27’ la doccia fredda: brutto disimpegno difensivo, Pasqual trova un varco sulla sinistra e crossa per Floro Flores che di testa fredda l’incolpevole Bizzarri. Cavanda e Gonzalez sulla destra attaccano male e difendono peggio, Pasqual spesso ne approfitta e tutta l’Udinese sposta il peso del proprio attacco sulla sinistra. La Lazio ha grandi difficoltà e, al contrario, spinge solo dalla parte di Sculli e Lulic. Al 43’ proprio il bosniaco è lasciato incomprensibilmente solo al limite dell’area e ha tutto il tempo per caricare, mirare e sparare un rasoterra imprendibile alle spalle di Handanovic. Si va quindi al riposo sull’1 a 1.

Scaloni sostituisce lo spaesato Cavanda e la Lazio riparte forte: lancio in area di Ledesma, spizzata di Rocchi e sfera che arriva a Klose che al volo trova la deviazione di Ferronetti e il vantaggio biancoceleste. Il bomber tedesco è scatenato e due minuti dopo sfiora la doppietta, stavolta di testa. Al 58’ Rocchi si libera per il diagonale ma Handanovic para senza problemi. Al 65’ Guidolin si gioca la carta Di Natale ma al 67’ è ancora Klose, su assist di Hernanes, a sfiorare il 3 a 1 a tu per tu con Handanovic. Al 72’ Hernanes prova il destro da fuori ma Handanovic  dice ancora di no. Nel momento migliore della Lazio è però ancora l’Udinese a colpire: Di Natale serve al volo Pinzi che in diagonale beffa Bizzarri per il 2 a 2. La Lazio ce la mette tutta, Reja inserisce anche Kozak e proprio all’ultimo minuto il ceco sfiora il goal su tiro-cross di Gonzalez. 

Tutto si potrà dire di questa Lazio-Udinese, tranne che la banda Reja non ce l’abbia messa veramente tutta per portare a casa i tre punti. Una squadra finalmente affamata, mai sulla difensiva, sorretta a centrocampo da un Lulic inesauribile. La sfida con i friulani ormai sta diventando un classico ma, mentre negli ultimi appuntamenti la squadra di Guidolin aveva spesso dato l’impressione di essere in controllo del match, stavolta è stata la Lazio a fare la partita e ad aggredire gli avversari. Pochi rimpianti, dunque, e sguardo già rivolto all’ultima partita dell’anno solare, ancora in casa, contro il Chievo. I tre punti sono, ancora una volta, obbligatori, ma se l’intensità e la voglia saranno le stesse di stasera, contro i veneti difficilmente sfuggiranno.

Valerio Lazzari


LAZIO-UDINESE 2-2
Lazio (3-5-2): Bizzarri; Diakitè, Dias, Radu; Cavanda (1' st Scaloni), Gonzalez, Ledesma, Lulic, Sculli (37' st Kozak); Rocchi (19' st Hernanes), Klose. A disp.: Carrizo, Stankevicius, Cana, Cissè. All.: Reja

Udinese (3-5-2): Handanovic; Benatia, Danilo, Ferronetti; Basta (21' st Abdi), Isla, Pinzi, Asamoah, Pasquale; Floro Flores (45' st Domizzi), Torje (21' st Di Natale). A disp.: Padelli, Ekstrand, Armero, Fabbrini. All.: Guidolin

Arbitro: Mazzoleni
Marcatori: 28' Floro Flores (U); 43' Lulic (L); 6' st Klose (L), 28' st Pinzi (U)
Ammoniti: Danilo, Benatia (U); Diakitè, Radu (L)

[18-12-2011]

 
Lascia il tuo commento