Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Artist

di Michel Hazanavicius. Con Jean Dujardin, Bérénice Bejo, John Goodman

di Clelia Verde

Hollywood, 1927. George Valentin è una star del cinema muto che si trova ad affrontare il proprio declino artistico e personale a causa dell'avvento del sonoro e della separazione dalla moglie. Al contrario, Peppy Miller, una giovane comparsa che deve proprio a una foto con George Valentin l’inizio della sua carriera, sta per diventare una diva. La fama, l'orgoglio e i soldi ostacoleranno la loro storia d'amore.

Dopo il grande successo di Cannes 2011, dove la pellicola ha sfiorato la Palma d’Oro e il protagonista Jean Dujardin ha ottenuto un meritatissimo premio per la migliore interpretazione maschile, l’omaggio francese di Michel Hazanavicius alla Hollywood del muto è ora in corsa agli Oscar 2012. 

Il film racconta dello storico passaggio dal muto al sonoro, che segnò una nuova era di Hollywood e assieme il declino di moltissime star che non seppero riconvertire la loro recitazione enfatica o furono comunque ostili al cinema sonoro perché legati alla forza comunicativa del cinema inteso come arte del silenzio. Alcune scene sono state addirittura girate a casa di Mary Pickford, la leggendaria stella del cinema muto che subì le stesse sorti del protagonista George Valentin (che sembra un mix tra Rodolfo Valentino e Douglas Fairbanks). 

La possibilità di esplorare un linguaggio cinematografico del passato aggancia subito lo spettatore e alcune scene sono in effetti indimenticabili, come quella in cui la protagonista Peppy abbraccia il vestito del suo amato o la bellissima sequenza di ciak da rifare in cui vediamo i due protagonisti innamorarsi. Ma il film non va oltre il tributo e il pasticcio con le epoche (ad un certo punto vengono adottate anche soluzioni filmiche anni ’40) non aiuta. Il finale che rievoca Fred Astaire e Ginger Rogers non rende giustizia né alla pellicola né allo spessore e alla mimica carismatica di Dujardin. Si esce dalla sala con la sensazione di aver assistito ad uno stiloso esercizio di metacinema, sincero ma sopravvalutato.

 



votanti: 5
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[13-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE