Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Super-Klose, sempre lui: Lazio corsara a Lecce

Doppietta e assist per il tedesco che prima pareggia il rigore di Di Michele, poi serve Cana per il 2 a 1 e infine, dopo il pareggio di Ferrario, mette la firma di testa sul 3 a 2 finale

Tre punti pesanti quelli della Lazio a Lecce, acciuffati a pochi minuti dal termine grazie al solito Klose, autore di una partita straordinaria. Due goal del tedesco e uno di Cana permettono ai biancocelesti di rimanere aggrappati alle posizioni alte, in attesa degli altri risultati del weekend di Serie A.

LA PARTITA – Fuori Konko, Stankevicius vince il ballottaggio con Scaloni, Rocchi scavalca Cissé e affianca Klose. Il Lecce è già al cambio di allenatore, con Cosmi in panchina, e le motivazioni sono altissime. I salentini partono forte e la Lazio fa acqua da tutte le parti: taglio centrale di Di Michele, trappola del fuorigioco che non scatta e Marchetti è costretto ad atterrare l’avanti giallorosso in area di rigore. Penalty sacrosanto, col portierone laziale che se la cava solo con un giallo, tra le proteste dei leccesi. Di Michele trasforma e la Lazio è subito sotto. I padroni di casa insistono e sprecano tanto con Muriel e ancora Di Michele, murato da un grande Marchetti. Dall’altra parte alla prima offensiva la Lazio trova il pareggio: calcio d’angolo, appoggio di Diakité al centro con Klose che irrompe e come un rapace beffa Benassi. Il Lecce continua a spingere ma inizia a lasciare spazio alle ripartenze laziali. Al 29’ Lulic ci prova da fuori, al 41’ è il turno di Rocchi che in mezza rovesciata spedisce alta la sfera.

Nella ripresa Reja butta nella mischia Cissé e soprattutto Cana, che dopo neanche due minuti mette il suo marchio sulla partita: assist delizioso di Klose, controllo e bel diagonale ad incrociare di destro per l’albanese che firma il sorpasso ospite. A causa dell’uscita di Biava la Lazio è costretta a schierare una difesa inedita, con Diakité e Lulic terzini e Radu e Stankevicius al centro. Le conseguenze di questa scelta forzata  non tardano a manifestarsi e al 58’ il Lecce è di nuovo in partita: calcio piazzato, Diakité respinge di schiena, palla scodellata di nuovo a centro area con la retroguardia biancoceleste completamente immobile, il più veloce è Ferrario che di testa insacca e porta di nuovo il match in parità. Dieci minuti dopo altra brutta tegola per la Lazio: Marchetti si fa male e lascia spazio all’esordio stagionale di Carrizo. Il Lecce ci crede e Muriel è ancora pericoloso al 66’. Cissé si muove bene ma non è assistito né da Hernanes, brutta prova la sua, né tanto meno da Ledesma, mai visto così impreciso al passaggio. Si arriva così agli ultimi, caldissimi, dieci minuti. All’82’ Di Michele si beve Stankevicius e spreca clamorosamente a tu per tu con Carrizo, spedendo alto un pallonetto che non trova lo specchio della porta. Ma all’86’ è ancora Klose con un’incornata perfetta, su assist millimetrico di Cissé, a battere imparabilmente Benassi per il 3 a 2 finale.

Una delle peggiori Lazio della stagione si va a prendere tre punti firmati, neanche a dirlo, Miro Klose. Due goal e un assist per il tedesco che scala la classifica cannonieri e si dimostra una volta di più il vero valore aggiunto della squadra di Reja. I biancocelesti hanno ottenuto il massimo risultato con il minimo sforzo, venendo a capo di una partita senza storia solo sulla carta, grazie ad un Lecce che meritava sicuramente qualcosa di più ma che ha sprecato davvero troppo, subendo la classica beffa a pochi minuti dal termine. Mercoledì torna, forse per l’ultima volta in stagione, l’appuntamento con l’Europa League, bisogna vincere e sperare in un passo falso del Vaslui. Se la Lazio riuscisse a raddrizzare una situazione così compromessa, il primo terzo di stagione, a livello di risultati, sarebbe da incorniciare. L'impresa non è delle più agevoli ma sperare, come al solito, non costa nulla.

Valerio Lazzari

LECCE-LAZIO  2-3

LECCE (4-1-4-1): 81 Benassi; 30 Oddo, 40 Tomovic, 13 Ferrario, 11 Mesbah; 8 Obodo; 7 Cuadrado, 18 Giacomazzi, 10 Olivera, 24 Muriel; 17 Di Michele. A disp.: (27 Julio Sergio, 6 Giandonato, 28 Brivio, 22 Piatti, 21 Grossmuller, 77 Pasquato, 9 Corvia) All. Cosmi

LAZIO (4-3-1-2): 83 Marchetti; 33 Stankevicius, 21 Diakitè, 20 Biava, 26 Radu; 15 Gonzalez, 24 Ledesma, 19 Lulic; 8 Hernanes; 25 Klose, 9 Rocchi. A disp.: (84 Carrizo, 39 Cavanda, 5 Scaloni, 27 Cana, 7 Sculli, 18 Kozak, 99 Cisse) All. Reja

Arbitro: Russo di Nola (Manganelli-Padovan; IV°: Pinzani)

Marcatori:  12° pt Di Michele (Rig); 28° pt Klose; 2° st Cana; Farrario 13° st; Klose 42°

Ammoniti: Giacomazzi, Olivera, Marchetti, Hernanes, Cana

 
TAG: lecce - lazio - klose
 

[10-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE