Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

L'albero di Natale della discordia, torna il classico

a piazza Venezia un cono di luce al posto dell'abete tradizionale, subito rimosso

Cos'è il Natale senza un albero di Natale? A piazza Venezia quest'anno ne saranno allestiti ben due ma non in contemporanea. Il secondo sta infatti per essere installato dopo che il primo Abete, in alluminio, è stato fatto rimuovere in fretta e furia. Quello che a molti sembrava un cono rovesciato è stato quindi prontamente tolto dalla piazza su mandato del sindaco Alemanno e verrà presto sostituito da un albero classico, il più classico possibile e simile a quello situato qualche metro più in là al Colosseo.

L'albero di Natale rimosso era stato realizzato da una ditta specializzata di Pomigliano D'Arco e da subito non era piaciuto al sindaco Alemanno che aveva commentato: "Anche a me non piace, ho dato mandato di sostituirlo". L'opposizione ha criticato l'operato dell'amministrazione. "Dopo lo scandalo della statua di Wojtyla alla Stazione Termini ecco un'altra bruttura di Alemanno", commentavano dal Pd romano. Chi lo ha scelto? "Il progetto è chiarissimo -spiega Gennaro Criscuolo, uno dei responsabili della ditta Lucifestagroup, di Pomigliano D'Arco- forse il sindaco non lo aveva visto. Noi lavoriamo in Giappone e Corea. A Salerno ne abbiamo fatto uno quasi identico". "sono amareggiato, dispiaciuto -dice il portavoce dell'azienda che ha realizzato l'albero Alessandro Cardito - non pensavo che il nostro abete suscitasse tante critiche. Certo, non è tradizionale ma è originale ed ecologico. L'abete è costato 25.000 euro".

Verdi, "Meglio albero finto" -"Troviamo queste polemiche sull'albero di natale surreali e sciocche. Se la vogliamo dire tutta, meglio un albero artificiale che un abete di 20 metri tagliato dalle Alpi. Penso che sia anche un segnale importante ai cittadini che il Natale si può festeggiare promuovendo e sostenendo una pratica ecologica, senza estirpare abeti veri, che è meglio lasciarli dove sono". Lo scrive Angelo Bonelli, presidente regionale dei Verdi su Twitter.

[07-12-2011]

 
Lascia il tuo commento