Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Mosse Vincenti

di Tom McCarthy. Con Paul Giamatti, Alex Shaffer

di Rosario Sparti

Mike Flaherty è un modesto avvocato di provincia che cerca di trovare qualche soddisfazione allenando la squadra di lotta libera di un liceo. Contemporaneamente, Mike, che si sta occupando della tutela legale di un suo anziano cliente, scopre che questi ha un nipote, Kyle, che, pur essendo un ragazzo alquanto chiuso, si dimostra un vero talento nella lotta libera. Perciò Mike inserisce anche Kyle nella squadra che allena, riuscendo per un po’ a infrangere la corazza di problematica riservatezza del ragazzo. Ma all’improvviso arriva Cindy, la madre di Kyle: da tempo non si incontravano perché lei era in clinica a disintossicarsi. Kyle vede così crollare quelle piccole certezze che credeva di essersi ricostruito anche grazie a Mike.

Tom McCarthy, regista di piccoli grandi film come THE STATION AGENT e L’OSPITE INATTESO, è da sempre attento all’incontro tra mondi diversi e con il suo nuovo film continua a percorrere questo sentiero. Questo bizzarro film sportivo, apparentemente incentrato sulla lotta libera, ha una seconda natura strettamente legata al tema della crisi economica che da qualche tempo sta sconvolgendo l’Occidente. 

Il denaro è il motore che muove Paul Giamatti, protagonista della pellicola, a barcamenarsi tra generosità che camuffa l’interesse personale e la paura della perdita delle proprie piccole certezze. Una commedia che cela un dilemma morale al suo interno, che racconta la quotidianità mostrando ipotesi di famiglia non banali e che suscitano più di una domanda.

Rispetto ai suoi precedenti film quello che manca non è l’equilibrio nella scrittura ma un guizzo da parte del cast e un finale che sembra essere troppo dolce rispetto alle premesse. Il regista rinunciando all’asprezza finisce per depotenziare messaggio e qualità drammaturgiche dell’opera, a brillare rimane solo la vividezza della descrizione di questi malinconici personaggi che sembrano provenire dalla realtà che ben conosciamo ma che ci conviene rimuovere agli occhi.

 
 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[07-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE