Giornale di informazione di Roma - Domenica 02 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Secondo giorno di targhe alterne, elevate 1.830 multe

6.000 controlli effettuati ma lo smog non diminuisce

Nel secondo giorno consecutivo di targhe alterne, venerdì, la polizia municipale ha elevato 1.830 multe per violazione del divieto di circolazione delle pari, incassando ben 283.000 euro. Il dato fornito dal Comando generale della Polizia di Roma Capitale è aggiornato alle 19.35, a un'ora e mezza dalla scadenza del provvedimento antismog. Sono stati circa 6 mila i controlli effettuati, che si sono tradotti in multe (da 155 euro l'una) nel 23% dei casi. Ieri a trasgredire il provvedimento erano stati il 29% dei conducenti fermati. Nel 2008, ultimo anno di applicazione delle targhe alterne, il 45% dei controllati non rispettava i divieti, secondo quanto riferito dalla polizia municipale.

SMOG - Per un'aria migliore a Roma bisognerà però aspettare domenica oppure la pioggia in arrivo. Il secondo giorno consecutivo di targhe alterne non dovrebbe infatti essere bastato per diminuire il Pm10, le polveri sottili la cui concentrazione ha spinto il Campidoglio a restringere la circolazione per la prima volta dal 2008. I dati rilevati dalle centraline ieri sono in linea con quelli relativi al giorno precedente (senza targhe alterne), fa sapere l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa), in quanto i valori risentono della stagnazione delle particelle inquinanti accumulatesi in 168 ore consecutive.

VERDI - "È un flop completo e assoluto quello delle targhe alterne: una vera Caporetto dello smog. Il provvedimento tardivo e tampone preso in fretta furia. Il report prodotto dall'Arpa sulla giornata di ieri è un vero e proprio bollettino di guerra per Roma e per la salute dei cittadini -spiega il presidente de Verdi del Lazio Nando Bonessio - In tutte le centraline, eccetto una, i Pm10 sono sopra il limite tollerato (50 microgrammi per metro cubo) con punte di 87 nei quartieri Preneste e Tiburtino, 76 a Malagrotta, 77 a Bufalotta e 52 persino a Villa Ada. I Pm10 hanno delle dinamiche di formazione e persistenza nell'aria che non si combattono con provvedimenti episodici ed estemporanei".
 
 

[03-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE