Giornale di informazione di Roma - Domenica 02 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Targhe alterne, venerdý stop alle pari

Leoni, presidente del Wwf: "Le targhe alterne sono solo un palliativo"

Secondo giorno di targhe alterne a Roma. Erano tre anni che non si applicava questa misura anti-smog scelta per cercare di ridurre i valori di polveri sottili segnati nelle ultime settimane dalle centraline dell'Arpa. La replica del provvedimento venerdì: non possono circolare nella fascia verde, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21, auto e moto con l'ultimo numero della targa pari. Sono esentati gli autoveicoli di categoria 'euro 5' ed i motocicli 'euro 3', i veicoli a gpl, metano, elettrici e ibridi, oltre che veicoli di emergenza, soccorso, pronto intervento, mezzi pubblici, auto con contrassegno disabili.

I romani, secondo stime del Campidoglio, giovedì sarebbero stati più disciplinati di tre anni fa quando con lo stesso provvedimento ci furono più sanzioni. "Si stima una percentuale di contravvenzioni elevate pari al 29% dei controlli totali - ha detto l'assessore comunale all'Ambiente Marco Visconti quando mancava un'ora alla scadenza delle 21 -, un dato importante se paragonato a quello del 2008, quando a trasgredire i provvedimenti era il 45% dei conducenti sottoposti a verifica". Alle 20 erano state elevate 1.783 multe (155 euro) dalla polizia di Roma Capitale per violazione dell'ordinanza del sindaco che vietava la circolazione nella fascia verde (più stretta del Grande raccordo anulare) ai veicoli con targa dispari. Sono stati effettuati 6.150 controlli e il 29% delle persone controllate è incorso nella sanzione da 155 euro, secondo i dati del Comando generale dei vigili urbani. Il 5% dei multati era su due ruote, il resto a bordo di autovetture. Venerdì toccherà ai veicoli con targa pari restare ai box, oltre a quelli più inquinanti.

Il sindaco Gianni Alemanno ha commentato: "Siamo sempre stati critici con le targhe alterne e lo siamo tuttora ma purtroppo le condizioni climatiche lo impongono: a differenza degli altri anni in cui pioveva di più, quest'anno la situazione è peggiorata. Non possiamo che prenderne atto: si tratta di un obbligo di legge". Critiche al provvedimento sono venute dai Verdi. Il presidente del Lazio Nando Bonessio ha parlato di "bluff" e "flop" delle targhe alterne a Roma, accusando il Campidoglio di non aver potenziato il trasporto pubblico come promesso. Dello stesso parere il presidente del Wwf Italia Stefano Leoni. Secondo Leoni "il provvedimento delle targhe alterne non è altro che un palliativo". "I livelli di smog vanno abbassati in altro modo -dice Leoni- con politiche che agevolino anche la qualità del trasporto pubblico".

video Meridiananotizie
 
 

[01-12-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE