Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Webber, prima vittoria tra merito e regalo

Doppietta Red Bull in Brasile, l'australiano precede Vettel. Quarto Alonso.

La pioggia che tutti prevedevano alla fine non è arrivata, così ci ha pensato la Red Bull a ravvivare una corsa che pareva segnata nel modo più prevedibile dopo la partenza. Sebastian Vettel era scappato via come al solito, quando lo hanno avvertito di un problema piuttosto serio al cambio, invitandolo a rallentare e a lasciar passare il compagno di team.

Il campione del mondo ha obbedito e ha lanciato Webber verso il primo successo stagionale (l’australiano peraltro ha cercato di legittimarlo a suon di giri veloci), ma il suo ritmo non è calato drasticamente come molti si attendevano, bensì solo di qualche decimo permettendogli di mantenere comodamente la seconda posizione. Sul terzo gradino del podio è salito, dopo l’ennesima condotta di gara intelligente, Jenson Button, che negli ultimi giri è riuscito a superare Fernando Alonso, molto bravo nelle prime fasi a superare entrambe le Mclaren e a guadagnare la terza posizione. Quinto è giunto invece Felipe Massa. Amaro ritiro per Lewis Hamilton, lui sì tradito ufficialmente dal cambio che lo ha piantato in asso proprio mentre era pronto per un altro duello con il brasiliano della Ferrari.

Per la Rossa impossibile fare di più, soprattutto considerando lo scarso rendimento con le gomme medie. Nella “corsa degli altri”,  a parte le scintille tra Senna e Schumacher (entrambi hanno sprecato una buona occasione di andare a punti) merita sicuramente una menzione l’ottima prova delle Force India. Sutil è riuscito a mettersi dietro Rosberg e a chiudere sesto, Di Resta ha conquistato un buon ottavo posto, precedendo la Sauber di Kobayashi  e la Lotus Renault di Petrov. Oscar del peggiore ai meccanici della Virgin, povero Glock. Si riparte in Australia, marzo 2012. Sappiamo già che non ci sarà Robert Kubica, a lui va il mio pensiero finale.  Magari nel 2013 tornerà con una tuta rossa, chissà…

Giu. Cil.

[27-11-2011]

 
Lascia il tuo commento