Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Prima condanna per gli scontri del 15 ottobre

tre anni e qauattro mesi per resistenza aggravata a pubblico ufficiale

Prima condanna per gli incidenti avvenuti a Roma il 15 ottobre scorso e che hanno impedito la manifestazione degli indignati. La VII sezione penale del Tribunale ha inflitto a Giovanni Caputi 3 anni e 4 mesi di reclusione per resistenza aggravata a pubblico ufficiale.

Il 22enne era stato fermato il giorno degli incidenti insieme con altri 12 manifestanti ed è detenuto nel carcere di Regina Coeli. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a 4 anni di reclusione. L’accusa ha anticipato oggi che chiederà a carico di Caputi anche il procedimento per il reato di devastazione. I giudici hanno disposto che il ragazzo risarcisca il danno a Roma Capitale oltre all'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici. Il 5 dicembre prossimo saranno processati altri tre manifestanti, Robert Scarlat, Stefano Conigliaro e Ilaria Ciancamerla, attualmente agli arresti domiciliari.

Commentando la decisione dei giudici l'avvocato difensore del ragazzo, Gallo, ha detto: "siamo in presenza di una sentenza troppo dura. Sulla decisione ha influito la pressione mediatica legata a quanto accaduto a Roma. Oggi viene condannata una persona -ha concluso- che con gli incidenti e i casi di violenza non ha nulla a che fare".
     
 
 

[17-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE