Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

Lunghezza, al via lavori complanari A24. La strada sfiora le abitazioni

I cittadini: "Sono sette anni che cerchiamo di avere delle risposte, ora sono partiti i lavori"

La complanare dell’A24 che passa a pochi metri dal salotto di casa. Era un timore ed ora è una certezza per le 12 famiglie di Lunghezza che vivono in tre palazzine in via Giovanni Casoni, a pochi metri dall’autostrada Roma – L’Aquila. Qui da tre giorni è infatti partito il cantiere della società Strada dei Parchi, concessionaria dell’Anas. Il progetto prevede la realizzazione di una strada parallela all’A24, con  l’abbattimento di un garage, lo sbancamento di un terrapieno e la realizzazione della strada che “sfiorerà” le abitazioni.

"Questi lavori mettono in serio pericolo le abitazioni -racconta Giancarlo, un abitante del quartiere- Il pericolo è per noi che ci abitiamo e ovviamente anche per gli edifici visto che le ruspe spianano sotto alle fondamenta delle nostre case". "Io sto proprio nella parte sotto. L'autostrada dovrebbe sorgere dove abbiamo le camera e la cucina -racconta una signora- Praticamente ci passa a pochi centimetri".

Le 40 persone che vivono adiacenti all’autostrada hanno ricevuto una prima comunicazione sette anni fa con tanto di piantina dei lavori. Dopo questa prima lettera gli abitanti di via Casoni si aspettavano un esproprio ed invece non hanno avuto più comunicazioni ufficiali.

"Non abbiamo avuto alcuna comunicazione scritta su eventuali espropri. Non abbiamo avuto alcuna risposta tranne quella delle ruspe che dall'8 novembre hanno iniziato i lavori sotto casa. -continua Giancarlo- Ci aspettavamo che il Comune si muovesse per espropriare le case, almeno questo è quello che ci avevano sempre detto ma non sta avvenendo. Sono sette anni che corriamo dietro a questa vicenda senza avere certezze ed ora i lavori sono iniziati".

I disagi per chi abita qui, oltre ai timori per le conseguenze dei lavori, sono evidenti: alcuni cittadini hanno avuto difficoltà a rientrare a casa, due donne incinta hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni.

[11-11-2011]

 
Lascia il tuo commento