Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Operazione dei Carabinieri, 30 arresti per droga

gli arresti dopo il sequestro di 2,200 chili di coca

Centinaia di chili di cocaina purissima che dal sud America viaggiavano verso l’Italia, per andare a rifornire il mercato degli stupefacenti del nostro paese e del resto d’Europa: e dietro un’organizzazione legata all’ndrangheta, che teneva strettissimi rapporti con i cartelli colombiani della droga. Un’associazione a delinquere che i carabinieri hanno smantellato dopo oltre un anno di indagini.

Stamattina all’alba è scattato il blitz dei militari dell’arma: 40 perquisizioni, sequestri per 5 miloni di euro, e 30 ordinanze di custodia cautelare in carcere da Brescia a Palermo, da Pavia a Bari, compreso uno nel Lazio, dove a finire in manette è stato un uomo a Terracina. A gestire il traffico internazionale di droga era un’organizzazione composta da personaggi dell’ndrangheta che facevano capo a Vincenzo Barbieri, vero e proprio boss del narcotraffico assassinato con 24 colpi di pistola lo scorso marzo.

L’organizzazione aveva rapporti con alcuni pugliesi specializzati in import-export e con i vertici dei cartelli della droga colombiani. Una associazione a delinquere strutturata nei dettagli, che aveva piazzato un proprio uomo direttamente in Colombia e che era in grado di riorganizzarsi subito anche dopo grossi i sequestri di droga messi a segno dalle forze dell’ordine nell’ultimo anno e mezzo.

Nel settembre dell’anno scorso, infatti, a Bogotà la polizia colombiana – in collaborazione con le forze dell’ordine italiane e inglesi – ha sequestrato 400 kg di cocaina pronti a volare in Italia. A questo seguono altri due sequestri da record: due mesi dopo, a Gioia Tauro (in Calabria) i carabinieri trovano una tonnellata di cocaina arrivata via mare dal Brasile, e ad aprile di quest’anno un altro carico di una tonnellata e due viene scoperto in un container proveniente dal cile e ormeggiato nel porto di livorno. Totale: oltre 2 tonnellate e mezzo di cocaina pura al 100%, tra i sequestri più ingenti degli ultimi 20 anni in Italia, un fiume di polvere bianca che piazzata sul mercato avrebbe fruttato qualcosa come 500 milioni di euro.

[10-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "L'operazione antidroga"