Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Taxi, dopo due anni di discussione approvata la delibera 67

l'adeguamento tariffario non supererà l'indice Istat. Introdotta la ricevuta obbligatoria

Dopo ben 28 sedute di consiglio, una bocciatura da parte del Tar e due anni di discussione è stata approvata la tanto travagliata delibera 67 che modifica il regolamento del trasporto pubblico non di linea e riguarda in particolare i taxi della Capitale. Rispetto all'iniziale versione della delibera, il nuovo regolamento stabilisce che eventuali aumenti tariffari saranno approvati dalla giunta comunale dopo il parere della commissione capitolina mobilità e non potranno superare gli indici Istat.

"Ci sarà il famoso adeguamento tariffario -ha detto l'assessore Antonello Aurigemma- che fu un adeguamento già previsto dall'amministazione el 2007. Abbiamo però deciso che questi aumenti non potranno superare l'indice Istat dei Trasporti".

L’opposizione capitolina da sempre si è opposta all’aumento delle tariffe e ha criticato la maggioranza per aver dedicato troppe sedute alla discussione sulle nuove regole dei taxi. "Sono due anni che stiamo discutendo -ha detto Mirko Coratti-, credo che per due anni bloccare una città e discutere di una delibera che riguarda una categoria, seppur importante, mi sembra quanto meno fuori luogo". "Noi come partito democratico abbiamo fatto alcune proposte che sono state accolte come quella del numero unico -ha detto il capogruppo del Pd Umberto Marroni- per migliorare il servizio per quei tassisti che non hanno la radio, abbiamo chiesto ed ottenuto una maggior trasparenza del servizio ed un codice di comportamento".

Ma cosa cambia dopo l’approvazione della delibera 67? Saranno potenziate le corsie preferenziali, saranno predisposte colonnine in ogni posteggio, sarà implementato il numero unico 060609. I tassisti dovranno adeguarsi anche ad un codice di comportamento che preveda un abbigliamento consono alla professione con test antidroga e antialcol periodici. La delibera introduce da subito anche la ricevuta obbligatoria.
 
 

[09-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE