Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Cavour, l’amore e l’opera incompiuta

fino al 4 dicembre, di Maricla Boggio, con E. Coltorti, A. Ortolani, E. Marinelli, D. D’Angelo e M. Beato

Sarà in scena fino al 4 dicembre al Teatro Stanze segrete di via della penitenza "Cavour, l'amore e l'opera incompiuta". Uno spettacolo di Maricla Boggio, per la regia di Ennio Coltorti con E. Coltorti, A. Ortolani, E. Marinelli, D. D’Angelo e M. Beato.

SINOSSI - Nella sua stanza, Cavour febbricitante, accudito amorevolmente da Bianca Ronzani, ultimo, esclusivo e segreto legame, si slancia in discorsi politici come fosse al Parlamento della giovane nazione finalmente unita. Molti i nodi da sciogliere: le tante differenze sociali e culturali, la questione meridionale, Roma Capitale, il potere temporale del Papa. Lo assale il ricordo delle tante lotte sostenute per realizzare il sogno dell’Italia unita e quello dei tanti amori, primo fra tutti quello appassionato e clandestino, vissuto in gioventù, con la bellissima Nina Giustiniani. Tutti gli avvenimenti si ripresentano nella mente del grande statista come se fossero ancora reali e vivi. Ma, oltre al perduto amore dell’infelice Nina, uno rimarrà il rimpianto più grande: non poter seguire i primi, accidentati e insicuri passi della giovane nazione. Vengono  a  rendergli omaggio Frate Giacomo da Poirino che in futuro verrà scomunicato per avergli dato l’estrema unzione  e Vittorio Emanuele con cui in passato Cavour si è a più riprese scontrato ma che sa di dovere a lui il titolo di Re d’Italia. Poi il grande statista si addormenta per sempre.

NOTE DI REGIA - Mettere in scena un personaggio come Cavour fa tremare i polsi. Non solo per la grandiosità storica del personaggio ma anche e soprattutto per la sua singolarità. Affrontare altri personaggi storici, Talleyrand, Napoleone, Pirandello Savonarola, San Bruno, Giordano Bruno, Sant’Agostino etc. è stato per me altrettanto stimolante e difficile (e alla fine per fortuna fortemente gratificante) ma Cavour nascondeva una difficoltà imprevista e ulteriore: mentre apparentemente si mostrava come personaggio freddo, calcolatore, prudente e realista al punto di sfiorare un irritante cinismo, in realtà si manifestava anche come passionale, generoso,  idealista, sognatore e istintivo fino all’incoscienza. Il testo di Maricla Boggio propone, amplificandola, questa affascinante e continua dicotomia del personaggio. La regia quindi non ha potuto che seguire la strada indicata dall’autrice e attraverso la successiva, appassionata documentazione acquisita, ha perseguito la strada di una messa in scena che, anche scenograficamente, sottolineasse la quasi doppia personalità del grande protagonista divenendo al tempo stesso realistica e astratta, cinematografica e teatrale, freddamente politica e furiosamente romantica, ordinata e scomposta, epica e quotidiana. La musica e i costumi, ricostruiti con accuratezza viscontiana, hanno completato questo nostro affascinante viaggio all’interno di avvenimenti troppo trascurati in quest’oggi senza memoria.

Tessera associativa semestrale: euro 3

Biglietto d`ingresso euro 13 - ridotto euro 10.

Riduzione concessa a:

Studenti fino ai 25 anni (documento di identità)

Anziani dai 70 anni (documento di identità)

Professionisti dello spettacolo.

Via della Penitenza 3 Roma


Spettacoli: ore 21:00. Da martedì a sabato ore 21, domenica ore 19

TEATRO STANZE SEGRETE

[05-11-2011]

 
Lascia il tuo commento