Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Brocchi tiene in vita la Lazio d'Europa

Un tiro del centrocampista, deviato da Texeira, regala vittoria e tre punti contro lo Zurigo. Nel prossimo turno sfida decisiva col Vaslui.

Con grande difficoltà la Lazio vince la sua prima partita in Europa League contro l'onesto Zurigo, squadra ben messa in campo ma nel complesso inferiore. C'è voluto un destro dalla distanza di Brocchi per avere la meglio sugli svizzeri, rimasti soli all'ultimo posto in classifica nel girone D e quasi fuori dalla competizione.

LA PARTITA - Reja rilancia Zauri e si affida alla coppia Klose-Rocchi. Cana si guadagna un'altra chance per mettersi in mostra e affianca Ledesma a centrocampo. L'inizio è shock: Chikhaoui chiama Marchetti al miracolo e si vede subito che la Lazio non è in giornata. Cana al 6' testa i riflessi di Leoni, che para in due tempi. Lo Zurigo capisce quasi da subito che può creare fastidio ai biancocelesti e inizia a prendere in mano le redini del gioco. E' un dominio tutto sommato sterile, ma pericoloso quanto basta per mettere paura alla Lazio, che non riesce a dare respiro alla manovra, complice anche l'appannamento di Klose, comprensibilmente stanco dopo i novanta minuti a ritmi alti di quattro giorni fa a Cagliari. Lulic, l'altro protagonista di domenica, si fa vedere solo al 34', con un tiro dalla lunga distanza che Leoni devia in angolo. E' troppo poco però per una Lazio che inizia a preoccupare e rischia troppo sulle ripartenze degli svizzeri.

Finisce così un primo tempo da dimenticare e Reja decide di giocarsi subito due cambi: a inizio ripresa entrano Cissé e Brocchi per Klose e Lulic, una scelta rischiosa che, ad ogni modo, darà i suoi frutti. Il francese ci prova subito da fuori e chiama costantemente al raddoppio la catena di sinistra dello Zurigo. Al 59' è Ledesma a mancare il bersaglio grosso di sinistro, dal limite, su una corta respinta della difesa svizzera. E al 62', finalmente, arriva il goal che decide la partita: tacco di Cissé per Brocchi che scarica un destro da fuori area che trova la deviazione di Texeira, la palla s'impenna e soprende Leoni, già proteso in tuffo. Lo Zurigo non reagisce ed è anzi la Lazio a sfiorare ripetutamente il raddoppio, prima con Cissé, in un paio di occasioni, poi con Rocchi che spara alto da buona posizione. Ci prova anche Sculli, quasi allo scadere, ma il risultato non cambia più e la Lazio torna a vincere in Europa, davanti al proprio pubblico.

Tre punti importanti ma non decisivi, il Vaslui infatti ha battuto lo Sporting Lisbona, già qualificato ed evidentemente, già in vacanza, appaiando i biancocelesti al secondo posto. Vincendo contro i romeni la Lazio sarebbe qualificata e, nonostante il buon momento di forma e il comprensibile entusiasmo, la squadra vista all'andata all'Olimpico tutto sembra tranne che una corazzata. Se la Lazio fallirà la qualificazione ci sarà ben poco da recriminare, anche perché non arrivare tra le prime due in un girone tutto sommato mediocre, starebbe a significare che i biancocelesti non sono ancora pronti per andare avanti in una competizione che vedrà impegnate nella seconda fase anche le reduci dei gironi di Champions. Intanto domenica ultima partita di campionato prima della sosta, in casa con il Parma. La Lazio può chiudere in bellezza la sua serie positiva, per poi riposare, ricaricarsi e centrare gli ultimi obiettivi del suo 2011.

Valerio Lazzari

LAZIO-ZURIGO 1-0 (0-0)

Rete: 62' Brocchi (L)

 

Lazio (4-4-2): Marchetti; Radu, Dias, Diakitè, Zauri (78' Konko); Lulic (46' Brocchi), Ledesma, Cana, Sculli; Rocchi, Klose (46' Cisse).

In panchina: Bizzarri, Crescenzi, Hernanes, Kozak. All. Reja.

 

Zurigo (4-4-2): Leoni; P. Koch, Bèda, Teixeira, Rodriguez; Mehmedi (63' Chermiti), Aegerter, Zouaghi, Djuric (77' Schonbachler); Chikhaoui (62' Magnin), Alphonse.

In panchina: Guatelli, R. Koch, Barmettler, Buff. All. Fisher.

 

Arbitro: Michael KOUKOULAKIS (GRE);

Assistenti: Dimitrios SARAIDARIS (GRE), Leonidas VASILEIADIS (GRE);

IV Uomo: Anastasios SIDIROPOULOS (GRE) 

Assistenti d'area: Anastassios KAKOS (GRE), Stavros TRITSONIS (GRE).

 

Note: ammoniti Sculli (L), Diakitè (L), P. Koch (Z), Chermiti (Z), Cana (L)

 

Recuperi: 1' p.t., 3' s.t.



 
 

[04-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE