Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Protesta lavoratori Atac

rimandato il confronto tra sindacati e dipendenti

Dopo la protesta di lunedì, con un centinaio e più di autisti a manifestare sotto la sede dell’Atac di via Prenestina, lo scontro tra l’azienda del trasporto pubblico e i dipendenti si prende qualche giorno di pausa.

Ieri sera, mentre la protesta andava in scena, il sindaco Alemanno e l’assessore alla mobilità Aurigemma – in rappresentanza di Roma Capitale che è l’azionista di maggioranza di Atac – hanno chiesto all’azienda di congelare l’ipotesi di abrogare il secondo livello di contratto dei dipendenti, che se attuato farebbe lievitare l’orario settimanale da 37 a 39 ore, a fronte di un taglio in busta paga che oscillerebbe tra i 200 e i 300 euro.

Il confronto tra Atac e i sindacati riprenderà la settimana prossima. L’aria che tira è quella di un vero e proprio scontro.
Già ieri i più determinati tra gli autisti in rivolta avevano minacciato di bloccare la città sospendendo il servizio. Ed e’ una prospettiva che rimane in piedi, se non si raggiungerà un accordo. Gli autisti si dicono esasperati, e il ventilato taglio agli stipendi ha colpito un nervo scoperto.

A causa della carenza di personale, ad esempio, molti conducenti di autobus, tram e metro non riescono a godere dei giorni di ferie arretrate. E poi ci sono i problemi pratici: vetture vecchie – con un’età media di 8 anni e mezzo – corse che saltano a causa di guasti – una su cinque – e un 20% di autobus indisponibili al servizio. Il tutto in una città caotica come è Roma.

Il fatto è che Atac finanziariamente non se la passa bene e la strategia del ripianamento dei conti passa attraverso l’aumento delle tariffe, ma anche un taglio al personale e una sforbiciata agli stipendi. Da una parte c’è l’obiettivo del pareggio di bilancio, dall’altra autisti sul piede di guerra pronti a incrociare le braccia: se le parti non troveranno un accordo, i trasporti a roma potrebbero essere a rischio.
 
 

[01-11-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE