Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Il mio domani

di Marina Spada. Con Claudia Gerini, Raffaele Pisu

Di Flavia D'Angelo

La vita di Monica scorre monotona da molti anni. La donna, psicologa del lavoro, si divide tra l’ufficio, una relazione senza sbocchi con il suo capo sposato, le visite al padre solitario rimasto al paese e le preoccupazioni per il nipote problematico. Una serie di eventi casuali, per quando prevedibili, la faranno riflettere sulle sue scelte e la porteranno a cambiare vita.

IL MIO DOMANI di Marina Spada è una delle tre opere italiane in concorso alla sesta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Non si tratta di un esordio: la Spada è quasi una veterana dei festival avendo presentato vari suoi film in concorso, tra cui l’ultimo (POESIA CHE MI GUARDI) alle Giornate degli Autori del Festival di Venezia 2009. Il film in concorso a Roma, e a breve in uscita nelle sale, era già stato annunciato con il titolo provvisorio METAFISICA PER LE SCIMMIE.

Il film della Spada dovrebbe raccontare un riscatto al femminile e, soprattutto, dovrebbe parlare della presa di coscienza del proprio valore da parte di una donna che ha, finora, seguito la strada della rinuncia sommessa. Il condizionale è d’obbligo perché il film si trascina in una serie di sequenze in cui il lavoro di sottrazione eccede e scava via il senso stesso della storia. La lentezza è d’obbligo per raccontare in modo credibile la quotidiana monotonia della protagonista, ma IL MIO DOMANI scivola nell’autorialità più deteriore senza affascinare né coinvolgere, sfiancando lo spettatore con ripetizioni di immagini e scene.

Claudia Gerini regala una buona prova nel ruolo di Monica, ma il personaggio scorre via senza guizzi né momenti di autenticità, neppure nel finale, che arriva quasi inaspettato. I molti temi sollevati (la religiosità, il rimosso familiare, il desiderio di accudimento) sono solo sfiorati: la sensazione prevalente è che si voglia, in effetti, usare il linguaggio cinematografico in modo fine a se stesso, nascondendosi dietro l’inappuntabile tesi di fondo dell’importanza dell’emancipazione femminile.
 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - spada - gerini
 

[28-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE