Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, Luis Enrique vede una Roma in crescita

Trasferta insidiosa a Genova per i giallorossi reduci dalla vittoria contro il Palermo

"Scudetto? Adesso no, non siamo ancora una squadra forte. Se ripenso all'inizio del mio lavoro qui, siamo in grandissima crescita. Siamo in costruzione, non so cosa succederà tra 3 o 4 mesi". La Roma fa progressi, ma Luis Enrique rimane con i piedi per terra. Dopo la vittoria casalinga con il Palermo, il tecnico spagnolo evita voli pindarici. "Non penso alla classifica, mi interessa solo il Genoa", dice accendendo i riflettori sulla gara in programma domani sul campo dei liguri. "Cercheremo di fare la nostra partita. Il Genoa è forte, è una squadra pericolosissima in contropiede. Il risultato è importante, ma è importantissimo il modo con cui ci arriviamo. Ci sono ancora tante situazioni che dobbiamo migliorare. Quando andiamo in vantaggio, non ci dobbiamo fermare. L'avversario, se va sotto di un gol, cambia atteggiamento: noi dobbiamo continuare a spingere", spiega l'asturiano. Serve equilibrio anche nei giudizi sui singoli. Contro il Palermo, Erik Lamela ha esordito alla grande: prima partita con la maglia giallorossa e gol decisivo. "Il rendimento di Lamela è stato ottimo per il gol e per l'atteggiamento che ha tenuto in campo. Lamela ha 19 anni e ha giocato una partita. Ha bisogno di tranquillità, si potrà parlare di esplosione quando avrà fatto 10, 15, 20 gol...", dice Luis Enrique. L'ex giocatore del River Plate potrebbe essere confermato nell'undici titolare: "Se è convocato, può giocare", dice Luis Enrique senza fornire ulteriori indicazioni.

"Io penso alla miglior formazione per la partita che dobbiamo giocare. Penso sia meglio avere una rosa ampia e poter contare su 19-20 giocatori in grado di giocare. Se manca qualcuno, c'è un altro in grado di entrare. È chiaro, alla fine dipende tutto dai risultati: se sono positivi, la gestione è eccellente. Se sono negativi, si dirà che è stato un disastro", prosegue. In attacco, Pablo Osvaldo è diventato un elemento inamovibile. Rispetto all'inizio della stagione, invece, fatica a trovare spazio Bojan Krkic. "Bojan mi è sempre piaciuto, ho sempre apprezzato le sue qualità tecniche. È in crescita, sta migliorando i movimenti e sta imparando a dare il contributo in fase difensiva. Sono contento di tutte le punte", dice. A chi prospetta novità di mercato per Marco Borriello a gennaio, Luis Enrique risponde: "Se dovesse arrivare un'offerta, ne parleremmo con la società. Ma questo discorso vale per tutti: si tratta solo di ipotesi, ne parleremo se succederà".



Vincenzo Samà
 
 

[25-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE