Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, Luis Enrique non pensa più al derby

I giallorossi attendono all'Olimpico il Palermo con ottimismo e voglia di riscatto

"Il derby è passato, la Roma è pronta a ripartire". Luis Enrique volta pagina dopo il k.o. nella stracittadina: bisogna pensare al Palermo, che domani fa visita ai giallorossi allo stadio Olimpico. "Il derby è passato, ora aspettiamo il prossimo con voglia di vincere", dice il tecnico asturiano. La sconfitta contro la Lazio è arrivata allo scadere, in un match che la Roma ha giocato per 40' in inferiorità numerica. "Mi sono piaciuti i primi 5-10 minuti, giocati con velocità. Poi dopo un quarto d'ora non ho visto la squadra che volevo, abbiamo arretrato in maniera eccessiva. Quando succede una cosa del genere, io penso che si debba continuare a lavorare: questa è la strada e io devo convincere i miei calciatori. Luis Enrique è rimasto sorpreso dalla reazione della squadra al passo falso: "Dopo una partita di tale intensità come quella di domenica, pensavo fosse difficile ricominciare a lavorare. Invece, la squadra ha dato il 100% ed è pronta ad affrontare il Palermo. Dobbiamo essere al top se vogliamo avere una chance di vincere". 

Ci potrebbe essere un turn over offensivo nei prossimi 270 minuti. In attacco, Luis Enrique deve gestire una rosa abbondante. "Borriello? È un bomber, si allena bene. Ma io posso schierare solo 11 giocatori dall'inizio e posso convocarne 18. Lo stesso discorso vale per Borini, Bojan, Osvaldo...", dice. Con tante soluzioni a disposizione, non è il caso di affrettare il recupero di Totti, ancora out per un problema muscolare: "Aspettiamo i suoi progressi, non vogliamo correre rischi". Nessuna indicazione sulle scelte relative alla difesa: "Chi schiero? Lo so ma non lo dico. Posso mettere Cassetti centrale, anche se non piace a nessuno. E posso schierare Perrotta terzino... È difficile indovinare la formazione questa settimana: impossibile no, ma difficile sì". Il Palermo potrebbe provare a imitare la Lazio con il pressing su De Rossi per soffocare la prima fonte del gioco giallorosso. "Il Palermo imiterà la Lazio? Ma non giocheranno Klose e Cissè... Mangia è un bravo allenatore -dice riferendosi al tecnico rosanero- ma non ho parlato con lui e nemmeno con il presidente del Palermo: io faccio il mio lavoro, cercherò di risolvere i problemi che si presenteranno. Se faccio giocare Lamela? Prima parlo con Mangia...".


Vincenzo Samà
 
 

[22-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE