Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Terapia terapia

Si alza il sipario al Golden con una commedia sul matrimonio attraverso un viaggio analitico

Tre interpreti d’eccezione sono i protagonisti dello spettacolo “Terapia Terapia” che l’altra sera ha inaugurato la stagione 2011 – 2012 del Teatro Golden.

Tre volti noti e amatissimi dal pubblico televisivo, affiatati e storici protagonisti della fiction cult di Mediaset  “Distretto di polizia”: Gianni Ferreri, il vice sovraintendente Vincenzo Ingargiola, Daniela Morozzi, che interpreta Vittoria Guerra nella fiction Mediaset  e Roberto Nobile, Antonio Parmesan si ritrovano per la prima volta insieme a teatro.

In scena fino al 30 Ottobre il trio storico della fiction televisiva è protagonista di questa commedia brillante che scandaglia il tema, attualissimo, della terapia ed il supporto psicologico della coppia. La storia è quella di due coniugi, Ninì e Lucia,  che per risolvere i loro ormai annosi problemi si rivolge all’ennesimo terapeuta. I due incontrano però un uomo, il Dottor Mauro Angeli, anche lui in piena crisi matrimoniale.

Uno spettacolo che nasce dall’idea di Roberto Nobile,  scritto da  Augusto e Toni Fornari, Andrea Maia, Roberto Nobile  e Vincenzo Sinopoli già autori di “Finchè giudice non ci separi”. La regia è stata affidata ad Augusto Fornari.
Ninì Serpillo e Lucia Montellosono in terapia di coppia per cercare di salvare il loro litigiosissimo matrimonio. Si sono rivolti dopo aver tentato, senza successo, di risolvere con altri terapisti, al Dottor Mauro Angeli stimato psicologo del settore, considerato un salva-coppie per l’alta percentuale di successi delle sue terapie. Ma i Serpiello non sanno che proprio in questo periodo anche lo psicologo vive una gravissima crisi matrimoniale.

Cosa può accadere se i problemi della coppia si intrecciano con quelli dell’analista? Fra equivoci, litigi, svelamenti, tenerezze, “Terapia Terapia” affronta, in chiave comica ma non superficiale, le commedie e i drammi del matrimonio attraverso un viaggio analitico, da Freud alla sfogliatella napoletana.

[17-10-2011]

 
Lascia il tuo commento