Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Vettel suona la decima sinfonia

Il tedesco vince davanti ad Hamilton e a Webber. Alla Red Bull il titolo Costruttori

Ancora lui. Chi pensava che Sebastian Vettel fosse già appagato, una volta conquistato il secondo titolo mondiale consecutivo, si sbagliava di grosso. Al primo giro del Gp di Corea, Seb ha superato abbastanza agevolmente Lewis Hamilton e si è involato verso la vittoria numero dieci in stagione, che, insieme al terzo posto del compagno di squadra Webber, vuol dire anche matematica conquista del Mondiale Costruttori per la Red Bull: un evento reso ancor più significativo perché ottenuto sulla pista dove l'anno scorso i due furono entrambi costretti al ritiro. Alle spalle del tedesco, il pilota della Mclaren e Webber sono stati protagonisti di una intensa e spettacolare battaglia per il secondo posto, fatta di sorpassi e controsorpassi, che ha visto alla fine premiato l'inglese che col talento e la determinazione è riuscito a colmare il gap tecnico del mezzo. Lewis è tornato a guidare ai livelli abituali, ritrovando meritatamente il podio dopo una lunga assenza. Quarto posto per un Button non in forma come una settimana fa, poi le Ferrari che hanno vissuto una strana domenica di alti e bassi. Nella prima parte di gara infatti, sembrava di vedere un Massa realmente in grado di lottare per le posizioni di vertice, mentre Alonso lo seguiva come un'ombra senza però dare l'impressione di essere più veloce. Dopo un un pit stop problematico che gli costava diversi secondi (e un paio di posizioni), il brasiliano è rientrato in pista con un ritmo decisamente meno convincente. Al contrario Fernando, pur penando un po' troppo per sbarazzarsi di Rosberg, ha iniziato ad inanellare una serie di giri veloci che lo hanno portato nelle ultime tornate a riagguantare Button e ad alimentare qualche rimpianto. Con una qualifica migliore, arrivare secondo era una impresa possibile. Da segnalare l'ingresso della safety car al quattordicesimo giro per un violento tamponamento di Petrov ai danni di Schumacher, per il quale il russo sarà penalizzato di cinque posizioni sulla griglia del prossimo Gp d'India. A punti sono andate entrambe le Toro Rosso (Alguersuari conferma la sua crescita con un brillante settimo posto) e il buon di Resta con la Force India. Giornata da dimenticare invece per Sauber e Lotus Renault.

Giu. Cil.

[16-10-2011]

 
Lascia il tuo commento