Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Partito il corteo degli indignati

dalla Sapienza a piazza della Repubblica

Due auto ai lati della strada parcheggiate in via Cavour sono state data alle fiamme da alcuni manifestanti col volto travisato. Complicato l'intervento delle auto dei pompieri, che sono riusciti a domare le fiamme. Sfondate la vetrina di una banca e un supermercato distrutto. Questo il primo bilancio di un corteo animato da migliaia di giovani che stanno sfilando pacificamente nel centro della città e che hanno tentato di bloccare i più facinorosi.

LA PARTENZA DEL CORTEO - Centinaia di studenti sono partiti in corteo da piazzale Aldo Moro, davanti alla sede dell'Università La Sapienza di Roma, per raggiungere piazza della Repubblica, dove confluiranno nel corteo degli indignati a Roma, in occasione della Giornata della rabbia. In testa ci sono gli occupanti del Teatro Valle, mentre alcuni manifestanti hanno acceso fumogeni.

ll centro di Roma intanto si va popolando di decine di migliaia di manifestanti attesi per l'I-Day contro la finanza e le politiche economiche. Zaini e sacchi a pelo, canti e balli caratterizzano questa prima fase dell'iniziativa lanciata dal movimento, con striscioni come 'La passione politica non ha prezzo, per tutto il resto c'è Berluscard'. Gran parte dei manifestanti sono arrivati e stanno arrivando con i pullman: ne sono attesi 750 da oltre 80 province italiane. Altri arrivano con i treni alla stazione Termini: un gruppo consistente è giunto da Livorno e da altre città della Toscana.

A Cassino, nel Frusinate, un gruppo di ragazzi proveniente da Caserta ha danneggiato due carrozze del treno regionale che li portava a Roma: un giovane è stato fermato e altri quattro sono stati denunciati dalla polizia. Alle 12 a Roma è scattato il dispositivo di sicurezza approntato dalla questura, con la chiusura al traffico dei varchi lungo il percorso del corteo. Molte le linee di autobus deviate, quattro fermate della metropolitana sono state chiuse. In campo 1500 uomini delle forze dell'ordine con una 'blindatura nascosta', pronta ad essere rimodulata in caso di incidenti. Off-limits i principali siti archeologici. La manifestazione romana si inserisce in una giornata all'insegna dello slogan 'United for Global Change', che vedrà in piazza gli Indignati in quasi mille città del mondo.

[15-10-2011]

 
Lascia il tuo commento