Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

L'indignazione corre sul web

crese su internet l'attesa per il "rabbiaday"

Cresce l’attesa per il Rabbiaday, la manifestazione di sabato prossimo contro il sistema politico-finanziario che, si stima, vedrà sfilare da piazza Esedra a piazza San Giovanni 200mila indignati. Così com’è nato, così continua a svilupparsi sulla rete attraverso una miriade di siti web: dai blog ai social network il tam tam è incessante quasi a voler stabilire un record di presenze, altro che “segnale”, questa è una di quelle volte che si fa sul serio.

Impossibile elencare tutti i siti di riferimento, anche se il grosso del passaparola, ovviamente, circola su Facebook. Ma il concetto che non siamo solo un debito circola un po’ dappertutto: dal sito 15october.net – united for global change che, oltre ad essere multilingua, propone anche una mappa mondiale della giornata di protesta che, per chi non lo sapesse, riguarda tutto il pianeta perché la crisi è ovunque. E poi su ancora Indymedia, che  invita a costruire una alternativa alla crisi partendo proprio dalla manifestazione di sabato; fino a il pane e le rose che indica nel capitalismo il responsabile principale della crisi che si può combattere solo con una mobilitazione globale. La galassia è sterminata e per chi cercasse informazione c’è solo l’imbarazzo della scelta: basta cercare su google o per chi twitta, prendere come riferimento il canale #globalchange.

La protesta Usa

Il percorso del corteo romano degli indignati
 
 

[12-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE