Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

This Must Be the Place

di Paolo Sorrentino. Con Sean Penn, Frances McDormand

di Svevo Moltrasio

Ritiratosi a vita privata l'ex rockstar Cheyenne vive isolato con la moglie. La morte del padre lo spingerà ad abbandonare la sua quotidianetà per intraprendere un lungo viaggio.

Il primo film in inglese di Paolo Sorrentino è passato in concorso a Cannes. Scritto a quattro mani con Umberto Contarello, può contare su di un protagonista di lusso, Sean Penn, e qualche comprimario d’eccezione, Frances McDormand. In attesa di una distribuzione americana, il film per ora è arrivato nelle sale francesi passando piuttosto inosservato.

Dopo l’exploit de IL DIVO, che gli ha permesso di ottenere una fama internazionale, Sorrentino fa il grande passo con una coproduzione rivolta al mercato internazionale. Nonostante i nomi nel cast, il film ha tutte le caratteristiche del cinema del regista napoletano: un’imponente impalcatura visiva per raccontare piccoli personaggi, ripresi in tutti i loro eccessi più stravaganti. Cheyenne, rockstar in pensione, da anni lontana dalle scene e dal mondo, si ritrova a viaggiare scoprendo un’umanità piena di solitudine e contraddizioni. In realtà Sorrentino mette dentro anche argomenti ingombranti, come l’Olocausto, ma più il film si ingrandisce – di temi e di spazi – più l’autore sembra perdere la bussola e a venire a galla è una fredda confusione.

Difatti, se l’inizio irlandese si fa apprezzare per qualche momento ironico, il progredire della vicenda sconta da un lato una serie di folkloristici luoghi comuni sulla provincia americana, e dall’altro un susseguirsi di stereotipi cinematografici on the road. Così ogni momento di svolta - i diversi monologhi del protagonista o quello del carnefice nazista - sembrano malamente raccordati all’insieme. A farne le spese, inevitabilmente, anche Sean Penn costretto in una macchietta ambulante, con perle di saggezza sempre in canna, a metà strada tra il patetico e il grottesco.
 



votanti: 9
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - sorrentino - penn
 

[11-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE