Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

Desktop Remote con Google Chrome

Il desktop remoto è quella funzionalità che permette di collegarsi ad un altro computer, tramite rete domestica o via internet, e poterlo gestire e controllare come se fosse il pc fosse davanti a voi. Si può aprire il browser, aprire delle cartelle o dei file da modificare, ascoltare la musica presente sul vostro hard disk.


Finora tutto questo era possibile installando dei client o utilizzando software di terze parti, oggi, attraverso google Chrome, è possibile creare un collegamento in Desktop Remoto per controllare un computer a distanza.

Una soluzione, questa, decisamente più semplice perchè è necessario solo avere il browser installato su entrambi i pc. La funzione Remote Desktop, ancora in fase beta, è attivabile scaricando l'estensione Chrome Remote Desktop tramite il Chrome Web Store.
Al primo utilizzo di Chrome Remote Desktop, molto veloce e di facile utilizzo, occorre un account gmail.

PRIMO UTILIZZO
Ci sono due possibilità dalla pagina dell'app:
condividere il pc che state utilizzando cliccando sull'apposito link "Condivi questo computer"
Inserire il codice d'accesso per entrare in un altro computer. Il codice deve essere inserito ad ogni connessione.

VANTAGGI

  • Sicuramente  la sua versatilità, infatti Chrome può essere installato su qualsiasi sistema operativo: Windows, Mac o Linux.
  • Non ha bisogno di elevate risorse di sistema per funzionare
  • Permette il collegamento a distanza per accedere al pc di casa o a quello in ufficio; Permette l'helpdesk, ovvero la possibilità di accedere al pc di un amico per aiutarlo in caso di problemi

DOWNLOAD E SUPPORTO
Per scaricare l'estensione clicca qui. Se non avete ancora l'ultima versione di google Chrome cliccate qui.
Informazioni tecniche e supporto su questa applicazione le trovate nella pagina di supporto.

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it
Stefano soriano


 
 

[10-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE