Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Mercato degli affitti a Roma. Ora è più difficile trovare inquilini

aumentano gli sfratti per morosità e le case rimangono sfitte più a lungo

Crescono a Roma gli sfratti per morosità; i dati dimostrano come, negli ultimi 10 anni, questi siano persino raddoppiati. Nel 2010 nella nostra città sono stati emessi 56.146 sfratti, più del doppio rispetto ai 25.412 del 2000. Dati allarmanti che segnalano le crescenti difficoltà delle famiglie romane nel pagare l’affitto. Il canone mensile infatti pesa, per molti, anche per più della metà sull’intero stipendio percepito. Il recente studio dell’associazione Codici ci svela il motivo. Quartiere per quartiere Codici ha monitorato i costi nelle varie zone di Roma; dai dati si nota come i prezzi tendono a livellarsi verso l’alto, indipendentemente dalla zona. Per una casa di 80 metri quadrati è praticamente come vincere alla lotteria trovare un contratto a meno di 900 euro al mese. Se escludiamo le zone di pregio del centro, si arriva ad un massino di circa 1500 euro.

Guido Lanciano, segretario dell’Unione Inquilini di Roma, spiega come il mercato degli affitti, rispetto a dieci anni fa, sia diventato quasi proibitivo per una famiglia media. “Le case riamangono sfitte a lungo –spiega Lanciano- i prezzi degli affitti sono meno accessibili ed i proprietari fanno fatica a trovare nuovi inquilini”.

Riguardo invece all’introduzione della “cedolare secca” e alle nuove regole per contrastare gli affitti a nero, Lanciano spiega che "sebbene ancora non ci sia stata una vera esplosione di persone che intendono denunciare, in due mesi l’Unione Inquilini ha raccolto ben 100 denunce da parte di affittuari a nero". Dallo scorso 6 giugno le nuove regole permettono infatti all’inquilino di denunciare i pagamenti a nero all’Agenzia delle entrate ottenendo automaticamente un contratto regolare con benefici sul canone di affitto.
 
TAG: affitti - casa
 

[07-10-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE