Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

La Virtus Roma riparte dal passato

presentato il vicepresidente Sergio D'Antoni

Nel corso di una conferenza stampa tenuta al Palazzetto dello Sport è stato ufficializzato l'ingresso nel Consiglio d'Amministrazione della Virtus Roma di Sergio D'Antoni, in qualità di vicepresidente operativo.
Si tratta di un ritorno, visto che D'Antoni è stato in passato presidente della Virtus, per poi lasciare proprio nelle mani dell'attuale proprietario Claudio Toti. Durante l'incontro i due hanno sottolineato l'importanza di una maggiore collegialità nelle decisioni, per una società che nel recente passato è stata condotto in maniera "monocratica".
D'Antoni si è detto disposto, in armonia con i suoi impegni parlamentari, a collaborare alla gestione politica e anche sportiva della squadra, che vive un momento di deciso ridimensionamento, a causa dei risultati modesti, e di un inevitabile alleggerimento dell'impegno economico di Toti.

L'incontro con la stampa è servito anche per fare un punto della situazione in casa Virtus, a meno di quattro giorni dal debutto in campionato, previsto per domenica alle 18.15, sul proibitivo campo di Bologna.
La mancanza dello sponsor è senzaltro il problema più urgente. Unica delle diciassette squadre di massima serie a non avere un marchio principale, la Virtus, per bocca dello stesso D'Antoni, sta cercando, tramite l'amministrazione comunale, un accordo con ACEA, auspicato soprattutto per il legame col territorio. Le difficoltà nel reperire lo sponsor nascono non tanto per motivi economici, quanto per l'interesse delle aziende nella possibilità delle Olimpiadi a Roma, e la cooptazione in società di D'Antoni va vista proprio come un tentativo di risposta a questa particolare problematica.

Altro argomento trattato è stato quello del possibile arrivo di Bargnani. Escluse le motivazioni spettacolari, la trattativa, ancora allo stato più che embrionale, partirebbe esclusivamente su basi tecniche, avendo la Virtus l'effettiva necessità di un lungo. E' perciò assolutamente da escludere un impiego di Bargnani per poche partite, come sembra stia invece avvenendo per Kobe Bryant alla Virtus Bologna. 
Per quanto riguarda il Palazzetto dello Sport, dove la Virtus disputerà la sua stagione casalinga, si era parlato nei giorni scorsi della possibilità di disputare altrove le prime partite in casa, stante il ritardo con cui procedono i lavori necessari all'omologazione del campo. L'ipotesi è stata però scongiurata, e sabato arriverà l'ok delle autorità, così il primo impegno casalingo, domenica 16 ottobre contro Biella, si disputerà regolarmente a Roma.

[06-10-2011]

 
Lascia il tuo commento