Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

LUNEděSERA

Al Manzoni uno spazio per gli artisti che desiderano presentare al pubblico i loro progetti di spettacolo

Quest’anno il Teatro Manzoni ha deciso di non riposare. Dal 3 ottobre al 28 maggio 2012, nei lunedì di riposo, andrà in scena alle ore 21,00 la rassegna LUNEdìSERA” uno spazio per gli artisti che desiderano presentare al pubblico i loro progetti di spettacolo “esibendoli” ed “esibendosi” in uno spazio che ha sempre promosso una politica di ricerca e di accoglienza nei riguardi del pubblico romano. Non solo. Prima degli spettacoli, il Teatro organizzerà per il pubblico un aperitivo di benvenuto.

A questo progetto hanno lavorato quattro Associazioni Culturali: l’Associazione Cinqueanelli di Giancarlo Fares, Donne d’Itaca lab di Adriana Palmisano, Mondo & Teatro di Luigi Tani e Scripta Volant di Riccardo Bàrbera. L’amministrazione e la responsabilità organizzativa è affidata all’associazione Il Mascherone diretta da Romolo Barbona.

Si parte, dunque, il 3 ottobre con “Roma Ribelle”, un omaggio al Risorgimento Italiano in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Poi ci saranno serate dove la musica classica si fonde con la poesia, serate dedicate al jazz, un lungo e struggente viaggio di Ulisse attraverso la voce di Penelope (“Odissea Penelope”), un inedito Leopardi attraverso alcune delle sue più famose opere e testi filosofici (“L’Infinito Giacomo”), un omaggio a Gabriella Ferri… e tanto altro ancora fino ad arrivare all’ultimo appuntamento, serata conclusiva della rassegna, dedicata alla prima edizione del concorso “Cortinscena”, vetrina per nuovi corti teatrali che dovranno essere scritti diretti e interpretati da ragazzi under 30.

Tantissime proposte quindi, selezionate per soddisfare tutti i gusti, miscelate sapientemente al servizio del pubblico.

In un momento in cui il nostro Paese  attraversa un momento difficile, a livello  economico, sociale e politico, il teatro è in grande fermento: la voglia di capire, sapere, conoscere e provare non è sopita... Il Manzoni vuole quindi dar spazio e voce a tutti coloro che hanno qualcosa di dire, da proporre, da sperimentare a coloro che vogliono sentirsi vivi.

[30-09-2011]

 
Lascia il tuo commento