Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Lavoratori 118 protestano alla Regione Lazio

la Croce Rossa licenzia 91 autisti/soccorritori

Sono 91 ormai ex dipendenti della Croce Rossa e mostrano, di fronte alla Regione Lazio, la lettera di licenziamento ricevuta a sorpresa qualche giorno fa insieme alla comunicazione che informa su tempi e modalità della riconsegna del materiale per il soccorso.

"Ci sono arrivate le lettere di licenziamento qualche giorno fa -racconta un ex lavoratore della Croce Rossa- non ci aspettavamo certo il licenziamento. Qui ci sono 91 famiglie in mezzo ad una strada, io ho una moglie ed una figlia di 20 an -racconta-. Non so cosa fare adesso".

 

I 91 autisti/soccorritori della Croce Rossa, da anni impegnati nel servizio 118 in convenzione con l’Ares, hanno perso il lavoro e questa mattina hanno deciso di protestare di fronte alla sede della giunta regionale.

Con 91 autisti/soccorritori in meno –denunciano i sindacati- anche il servizio di soccorso alla cittadinanza è a rischio. Al momento infatti non si prospettano soluzioni certe di reintegro e l’affidamento temporaneo a imprese private, come proposto dalla Regione Lazio, rischierebbe, secondo i lavoratori, di non garantire alcuna continuità occupazionale ed il regolare servizio di soccorso.

 
 

[30-09-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE