Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Lavoro nero e caporalato

scoperti 269 lavoratori impiegati a nero

Continuano i controlli dei finanziare per contrastare il fenomeno del lavoro nero. Nei primi otto mesi dell'anno i finanzieri del Comando provinciale di Roma hanno scoperto 269 lavoratori in nero e 1.747 irregolari. Le fiamme gialle hanno calcolato un totale di circa sette milioni di euro di compensi erogati in nero. Di questi sette milioni, grazie alla segnalazione delle Fiamme gialle, verranno recuperati a tassazione dall'Agenzia delle entrate e costituiranno la base per il calcolo dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti agli enti preposti.

Tra i settori economici maggiormente interessati dal fenomeno c'è il settore del trasporto delle merci su strada, i bar, i ristoranti, le pulizie e il facchinaggio, il commercio all'ingrosso di materiali di recupero e le discoteche. La maggior parte dei lavoratori impiegati a nero sono di nazionalità romena, ma anche polacchi, egiziani, peruviani, filippini e colombiani. Riguardo invece ai controlli sul lavoro irregolare sono stati scoperti 1.747 situazioni di irregolarità. Si tratta di casi meno gravi rispetto al lavoro nero, come contratti di assunzione formalmente part time ma in realtà con orario di lavoro pieno e l'impiego in mansioni diverse da quelle per cui si è stati assunti, con la  percezione di compensi fuori busta.

[26-09-2011]

 
Lascia il tuo commento