Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

La pelle che abito

di Pedro Almodóvar. Con Antonio Banderas, Elena Anaya

di Clelia Verde

Dopo un incidente nel quale la moglie muore carbonizzata, il chirurgo Robert Ledgard avvia degli esperimenti, che porterà avanti per 12 anni, per creare un tessuto sintetico simile alla pelle umana ma più resistente, che avrebbe potuto salvare la donna. Per compiere i suoi esperimenti si serve di Vera, una donna che lui tiene rinchiusa e con la quale ha un rapporto particolare...
   
Presentato in concorso (senza clamori) al Festival di Cannes 2011 e basato sul romanzo Tarántula di Thierry Jonquet, il film – un thriller drammatico - si apre con un omaggio al cinema di Luis Bunuel: la prima immagine è una ripresa della città di Toledo per ottenere la quale il cineasta spagnolo ha sistemato la macchina da presa nello stesso posto dove, quarant’anni prima, Luis Bunuel l’aveva messa per TRISTANA.
   
Da questo punto in poi sarà difficile tenere nota delle citazioni, Alfred Hitchcock, Fritz Lang, Georges Franju, ma anche Elias Canetti e Pedro Almodóvar. Perché è un vero Almodóvar il film di cui si parla, i colori caldi, i dialoghi semplici e simbolici, la trama labirintica. Qualcosa però disorienta quasi subito lo spettatore fino a perderlo in un impianto inutilmente kitsch tenuto in piedi da maxischermi, lezioni di yoga in tutine aderenti, lattice, cliniche psichiatriche, creme lubrificanti, sguardi maschili talmente belli da appartenere a donne.
   
La pellicola è fredda, lenta, il problema dell’identità resta in superficie come un qualcosa che lo spettatore più volenteroso dovrà approfondire da solo, una volta uscito dalla sala. Perfino la passione della magnifica cantante Concha Buika sembra meno rossa del solito, relegata nel ruolo di intrattenimento per matrimonio, e non riesce a creare il giusto effetto per la scena cruciale cui ci introduce. Andate a vederlo se Almodóvar è il vostro regista preferito, per giocare a scoprire analogie e differenze con le sue opere precedenti.
 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[26-09-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE