Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Sette pezzi di carne

La Degli Zingari Gallery nel rione Monti ospita il nuovo spettacolo teatrale di Riccardo Reim

Si chiama “Sette pezzi di carne”, il nuovo spettacolo che il regista Riccardo Reim porterà in scena a Roma dal 26 settembre al 16 ottobre, con Valentina Ardinzone, Letizia Barone Ricciardelli, Emanuela Cacciaguerra, Valerio Cerasoli, Chiara Di Pietro, Federica La Medica e Maria Santirocco. Prendendo ispirazione dal suo recentissimo volume “Segnali notturni”, Reim torna a scandagliare il tema del volto segreto della notte metropolitana. Questa volta lo fa soprattutto al femminile, scegliendo artisti giovanissimi del palcoscenico romano e una location sicuramente insolita, una galleria d’arte sotterranea nel cuore del rione Monti, la “Degli Zingari Gallery”. Stupisce ancora, quindi, il noto regista romano, presentando uno spettacolo in cui sette personaggi “border line”, nel raccontarsi, testimoniano, più o meno in filigrana, un brutale, gratuito omicidio il cui autore resterà probabilmente impunito.

In questo bizzarro mosaico la storia viene a evincersi a strappi, a brandelli dai vari racconti, costituendone il sottile, misterioso “filo rosso”: un filo continuamente spezzato e ripreso, come le vite dei sette protagonisti (sei donne e un ragazzo: “pezzi di carne”, per l’appunto, dai volti intercambiabili, imprecisi e sfocati come una fototessera). Un bestiario umano che si scopre immorale, segreto e irraccontabile, in vena di confessioni, anche recitate o senza fondo. Voci e confessioni dal sottosuolo, dunque: incubi di un’umanità “saturnina” che vive passioni gelide, fantasie, ritualismi, superstiziosi, ossessioni, paradossi e sdoppiamenti. Spettacolo saturnino e claustrofobico, grottesco e segreto, dove il pubblico viene a trovarsi gomito a gomito con gli interpreti, in una sorta di imbarazzante coinvolgimento. Parallelamente allo spettacolo, ogni giorno dalle 17 alle 20, è allestita una mostra di cinque artisti, tre fotografi e due pittori. Cinque visioni diverse sui personaggi e i luoghi della Roma notturna, sconosciuta, reale e immaginaria.

[25-09-2011]

 
Lascia il tuo commento