Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

La stagione della Filarmonica

Presentato il ricco cartellone che animerÓ la capitale nei prossimi mesi fra novitÓ e conferme

Il ritorno, dopo 45 anni, da quando l'autore ne proibì l'esecuzione, dopo un successo internazionale durato un decennio, del forte dramma-concerto in tre rounds e in romanesco "Partita a pugni" di Vieri Tosatti. Cinque nuove prime esecuzioni, compreso il debutto nel teatro musicale di Riccardo Panfili con "Frecciarotta", ritratto del nostro Paese attraverso un dialogo sulle ferrovie; sono le novità e il ribadito impegno anche sul contemporaneo, oltre che nei confronti della danza, dell'Accademia Filarmonica Romana, che caratterizza la sua stagione pensando ai giovani, alla società che viene, al pubblico di domani.

Così protagonisti saranno spesso loro, dal concerto d'apertura il 23 ottobre con l'Orchestra degli allievi della Scuola Musicale di Fiesole, diretti da Accardo, all'appuntamento di chiusura il 10 maggio con un “Flauto Magico” cantato da bambini e ragazzi diretti dal vincitore del concorso Aslico 2012 senza dimenticare i concerti di Natale della PlayToy Orchestra,che usa strumenti giocattolo, e degli allievi del coro della Filarmonica diretto da Pablo Colino. "E' doveroso, in questo momento di crisi e transizione complessa, guardare alle future generazioni per dar loro strumenti e formazione, riparando anche alle carenze della scuola ma pure delle istituzioni musicali che non si sono mai poste il problema in passato", ha sottolineato il presidente della Filarmonica Paolo Baratta, mentre il direttore artistico Sandro Cappelletto, dopo aver criticato l'atteggiamento dello Stato verso la musica classica, ha annunciato che "la prossima stagione si svolgerà  nelle quattro sedi del Teatro Argentina, del Teatro Olimpico, della Sala Casella e del Teatro India, attraversata da un filo rosso che vorremmo passasse di mano in mano, con i piccoli che giocano a fare i grandi e i grandi che qualche volta e per fortuna si ricordano il piacere che dà giocare".

Oltre al Teatro Olimpico, dove si terranno tra l'altro i 4 appuntamenti del Festival internazionale di danza (uno è con la scuola di ballo dell'Accademia Teatro alla Scala e chiude Pellisari con la terza parte della sua Divina Commedia), una serie di concerti da camera si terranno all'Argentina, mentre al Teatro India, in collaborazione con la Lud e il Teatro di Roma, si avrà la prima italiana dell'opera "Three Mile Island" di Andrea Molino sul grave incidente nucleare Usa. Tra le altre prime esecuzioni, "Concerto" di Matteo Franceschini, "Commiato" di Irma Ravinale, "Erbario spontaneo" di Claudio Ambrosini e "Succede ai pianoforti in fiamme nere" di Carlo Boccadoro.

Tanti i grandi nomi di solisti e complessi, da Sarah Chang a Paolo Fresu, da Boris Petrushansky a Jordi Sacall, dal Quartetto Sinopoli all'ensemble La Risonanza per i 27 appuntamenti in programma,  cui si aggiungono diverse attività tra le quali è da segnalare la presenza di Ramin Bahrami (11 al 14 ottobre) alla Filarmonica per la sua prima masterclass in Italia, dedicata al Pianoforte di Bach, e poi i corsi di Elizabeth Norberg-Schulz, Monica Bacelli, Franco Piersanti. 

[23-09-2011]

 
Lascia il tuo commento