Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Roma - Bruxelles
 
» Prima Pagina » Roma - Bruxelles
 
 

Ue: Scaricare da internet non pi reato

niente carcere per i privati che scaricano dalla rete

Da Bruxelles arriva la notizia che tutti i navigatori del web attendevano: niente più carcere per chi scarica dalla rete per uso privato. Il Parlamento europeo ha approvato - con 374 voti a favore, 278 contrari e 17 astenuti - la risoluzione di Nicola Zingaretti (Ds), che introduce sanzioni penali per la contraffazione e la violazione della proprietà intellettuale solo per chi agisce a scopo di lucro.

L'intento delle istituzioni è quello di arrivare a colpire solo la contraffazione su larga scala e il crimine organizzato, ovvero - come prevede la norma - "qualsiasi violazione intenzionale del diritto di proprietà intellettuale commessa su scala commerciale, la complicità e l'istigazione".

Chi commetterà tali reati rischierà fino a quattro anni di reclusione per i reati di pirateria e contraffazione se vengono commessi nell'ambito di un'organizzazione criminale oppure comportano un rischio per la salute o la sicurezza delle persone.
Di fatto, quindi, tolleranza zero per quel che riguarda i pirati su larga scala, ma niente carcere per chi viola il diritto d'autore a titolo privato. Gli utenti del web possono stare tranquilli. A questo proposito sono stati adottati vari emendamenti, che modificano la proposta avanzata dalla Commissione Ue per escludere dal campo di applicazione della direttiva "atti compiuti da un utilizzatore privato per fini personali e non di lucro".

Negli ultimi 10 anni il volume delle merci contraffatte è aumentato del 1600%, investendo quasi ogni campo del commerciabile: giocattoli, abiti, scarpe, alimenti, cosmetici, sostanze chimiche, prodotti gastronomici con denominazioni false, occhiali, cd, dvd. Un fenomeno che ha portato, purtroppo, a 125 mila nuovi disoccupati in Europa.

[27-04-2007]

 
Lascia il tuo commento