Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Lazio
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Lazio
 
 

Reja: "Il quadro č buono, ma la cornice č marcia"

Dopo la sconfitta col Genoa la Lazio cerca il riscatto immediato a Cesena con la panchina traballante

Nonostante la fiducia di Lotito e della squadra rimane forte il disagio del tecnico biancoceleste alla vigilia della delicata sfida del Manuzzi contro il Cesena di Giampaolo.

"Non serve fare il punto. È inutile ribadire quello che è successo. Lo sapete. Ho avuto confronto con presidente e squadra, abbiamo chiarito e ho deciso di proseguire la mia avventura alla Lazio": così l'allenatore della Lazio Edy Reja, nel corso della conferenza stampa di oggi alla vigilia della trasferta di Cesena. "Sapete il disagio che ho a lavorare in un ambiente come questo - ha aggiunto il tecnico laziale - Il quadro è buono, ma la cornice è marcia. Io non devo soltanto vincere, ma devo stravincere. Ho avuto il conforto del presidente, valutazione positiva della squadra e continuiamo questa strada possibilmente sino alla fine del campionato se arrivano i risultati", ha aggiunto il tecnico che ieri durante un incontro con il presidente della Lazio Lotito avrebbe presentato le sue dimissioni, che però sarebbero state respinte.

Il feeling con i tifosi è peggiorato dopo la cessione di Mauro Zarate all'Inter. "All'interno sappiamo qual è la situazione e lo sa anche Mauro. Io non ho mai detto che non lo consideravo: ho sempre detto che ha un talento straordinario, in lui deve scattare qualcosa a livello di stimoli", dice Reja riferendosi all'attaccante argentino. "Da quando sono arrivato io, non ha dato quello che aveva dato in precedenza. Probabilmente aveva bisogno di cambiare aria per trovare stimoli importanti. Io comunque non sono proprietario del cartellino dei giocatori, certe valutazioni le fa la società".

Si continua, per ora, con Reja e il 4-2-3-1(definito modulo base dal tecnico friulano) ma con Biava che è rimasto a casa in seguito allo scontro di domenica con Ledesma, dove ha perso un dente. Quindi Marchetti tra i pali; Konko, Diakite, Dias, Stankevicius in difesa; Brocchi e Ledesma in mediana; in attacco Klose, con alle spalle Cissè, Hernanes e Gonzalez(in vantaggio su Sculli).

Classico 4-3-3 per il Cesena di Giampaolo con Ravaglia in porta; difesa con Ceccarelli, Von Bergen, Benalouane e Lauro; Parolo, Colucci e Candreva a centrocampo; in attacco Eder, Mutu e Martinez.

Vincenzo Samà
 
TAG: Lazio - Reja - Serie A
 

[20-09-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE