Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Mostre Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Mostre Roma
 
 

The art of hard rock cafe

40 opere realizzate da celebri artisti sono esposte al Chiostro del Bramante fino al 26 ottobre

L'autoritratto scherzoso a matita che si è fatto Jim Morrison da adolescente, quello di Michael Jackson, che si rappresenta attraverso i suoi simboli, il guanto e il cappello, ma anche quadri e schizzi firmati da Ringo Starr,
Ron Wood dei Rolling Stones, da membri degli Who come John Entwistle (scomparso nel 2002) e Pete Townshend, Frank Zappa, George Clinton, Billy Idol, e di Marty Balin, cofondatore dei Jefferson Airplane, che ritrae Jerry Garcia nei suoi ultimi anni. Sono solo alcune delle 40 opere esposte a “The Art of Hard Rock”, la mostra a ingresso libero che approda al Chiostro del Bramante fino al 26 ottobre, organizzata dall'Hard Rock Cafe Roma in occasione del quarantennale dall'apertura del primo Hard Rock Café a Londra. Unico italiano presente è Andy Fumagalli, tastierista dei Bluvertigo e pittore che ha regalato all'esposizione un suo quadro “Easy love”. L'opera sarà messa all'asta fra tutti quelli che per la durata dalla mostra contribuiranno con una donazione minima di 5 euro, alla campagna “Adotta un banco” grazie a cui Hard Rock Café Roma, in collaborazione con il Primo Municipio dona fondi alle scuole del centro storico, carenti di banchi e arredi scolastici.

La mostra, arrivata a Roma dopo il debutto europeo a Venezia e la tappa a Firenze, è composta da alcune delle opere che appartengono alla grande collezione di oltre 70 mila pezzi di Hard Rock International, la maggior parte dei quali esposti nei quasi 160 Hard Rock Cafe nel mondo. "Le opere qui, che sono particolarmente delicate, vengono dalla nostra casa madre di Orlando in Florida - ha spiegato Teresa Spaventa, responsabile Marketing di Hard Rock Café Roma -. Quest'esposizione che celebra i 40 anni dalla nascita del primo Hard Rock Cafe nel 1971, è fatta con 40 opere, esposte in ogni tappa per 40 giorni. E qui a Roma abbiamo unito anche il progetto benefico".

Tra le curiosità esposte, i quattro quadri in computer art di Ringo Starr, e quello astratto, quotato 50 mila dollari, di Paul Stanley, cantante dei Kiss. Tra i più divertenti, il ritratto di Elton John in versione supereroe “rocket man”, con
tanto di mantello, tutina e zeppe psichedeliche, firmato dallo storico bassista degli Who John Entwistle, autore anche di un proprio autoritratto e di uno di Pete Townshend, presente anche con un suo disegno sul Natale. Il bassista degli Stones Ron Wood ha creato apposta per questa mostra un'opera con il ritratto dei “compagni” Charlie Watts e Keith Richards. Ci sono poi alcune maschere realizzate per il progetto di beneficenza “Princés trust”, del principe di Galles, dipinte fra gli altri da Lou Reed, Julian Lennon, Alice Cooper e Chrissie Hynde, la cantante dei Pretenders. Molte anche le opere sui protagonisti del rock create da altri artisti e illustratori. Come quelle sui Beatles e su John Lennon di Alan Aldridge, disegnatore anche del logo dell'Hard Rock Cafe; di George Underwood su Buddy Holly; di Stanley Mouse sui Grateful Dead e di Nancy Reiner sull'amico Jimi Hendrix.

La mostra chiuderà i battenti al Chiostro del Bramante il prossimo 26 ottobre.

[19-09-2011]

 
Lascia il tuo commento