Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Crazy, Stupid, Love

di John Requa, Glenn Ficarra. Con Steve Carell, Julianne Moore

di Rosario Sparti

Il quarantenne Cal Weaver credeva di vivere l’esistenza perfetta: un buon matrimonio e due adorabili figli, una bella casa, un lavoro appagante. Ma il suo mondo crolla quando scopre che la moglie Emily, suo amore dai tempi del liceo, l’ha tradito e vuole il divorzio. Impreparato alla nuova vita da single ed impacciato con le donne, Cal incontra il giovane Jacob, seduttore incallito, che lo aiuta a ritrovare la familiarità perduta nei rapporti con l’altra metà del cielo. In seguito Cal si rende però conto che tutto questo darsi da fare è inutile. Forse deve ricominciare proprio da dove tutto è partito, riconquistando Emily.

I registi, già autori di COLPO DI FULMINE, quest’estate con questa commedia hanno sbancato gli incassi del box office americano; con una notizia simile sarebbe lecito attendersi qualcosa che ci sorprenda ma le cose non stanno proprio così. La pellicola è la classica commedia agrodolce, dalla composizione corale, che cerca d’indagare il mistero di quella piccola cosa folle che è l’amore, uno sguardo sulle relazioni interpersonali alla ricerca disperata della via per amarsi senza farsi male.

Come già detto, l’intreccio non brilla né per originalità né per un taglio particolare datole dai registi, però ha un particolare da non sottovalutare: funziona. Un merito che è da attribuire in particolare alla vera sorpresa del film: il casting. Una selezione d’attori in splendida forma: una star affermata della commedia americana come Steve Carell, una giovane promessa come Emma Stone, la presenza in un film brillante di Julianne Moore ormai non stupisce, invece la scelta di Ryan Gosling, attore sulla bocca di tutti quest’anno per le sue interpretazioni, ci colpisce.

Una storia che diverte, utilizzando schemi consueti, e che cerca talvolta di tingere con toni amari, personaggi e storie di tutti giorni. Senz’altro una pellicola che scorre veloce e che altrettanto velocemente scomparirà dalla vostra memoria, ma, se si è in cerca di due ore di divertimento non in svendita, è quello che fa per voi.
 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[16-09-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE