Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

La manovra costerà 3560 euro euro a famiglia in quattro anni

Zingaretti: "Il governo sta mettendo le mani in tasca ai cittadini"

La manovra economica varata dal governo costerà alle famiglie romane nei prossimi quattro anni 3.560 euro, per un totale di oltre 6 miliardi di euro tra tagli agli enti locali, aumento dell'Iva, aumento dell'addizionale Irpef del Comune di Roma e blocco degli aumenti per i dipendenti pubblici. I servizi offerti dagli enti locali subiranno un taglio di 2,63 miliardi di euro. Il presidente della provincia di Roma ha illustrato i risultati di un monitoraggio sugli effetti della manovra da poco approvata in Senato.

Lo studio non considera i tagli alla sanità, ai ministeri, agli stipendi pubblici oltre i 90 mila euro, l'aumento del bollo sui dossier titoli, l'aumento della tassazione delle attività finanziarie e il contributo del 3% oltre i 300 mila euro. L'impatto su enti locali e cittadini dell'aumento dell'Iva dal 20 al 21% sarà di 80,7 milioni di euro, secondo le stime della Provincia, che saliranno a 488,6 milioni negli anni successivi per arrivare a 1,546 miliardi nel quadriennio 2011-2014.

ZINGARETTI - "Il governo sta mettendo pesantemente le mani in tasca, non ai cittadini, ma ad alcuni cittadini - ha commentato Zingaretti -. Questa manovra è ingiusta e iniqua ed è un colpo durissimo alle famiglie e alle imprese". Il presidente della Provincia di Roma si è poi rivolto ai parlamentari del Pdl eletti nel Lazio. "Faccio un appello a tutti i parlamentari del Pdl del Lazio, che devono votare la manovra, a non prendere in giro i cittadini". L'unico commento positivo per il governo Zingaretti lo riserva all'approvazione del disegno di legge costituzionale per l'abolizione delle province: "Finalmente la mia idea di fare la città metropolitana trova anche il consenso del governo".

ALEMANNO - Anche il sindaco Alemanno si è espresso in maniera critica nei confronti della manovra. "Si rischia il trasporto pubblico, difficile che rimanga garantito a prezzi sociali -ha spiegato Alemanno- abbiamo il timore di una caduta dei servizi essenziali sul territorio".

POLVERINI - Per il presidente della Regione Lazio "questa terza manovra in un anno, che non siamo in grado di sopportare. Ci sarà una penalizzazione della quantità e qualità dei serivizi sociali".

[09-09-2011]

 
Lascia il tuo commento