Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politikamente
 
» Prima Pagina » Politikamente
 
 

PD o PDPDT

Partito Democratico o Partito Della Perdita Di Tempo?

Walter Veltroni, probabile futuro leader del PD

Dopo i congressi dei DS e della Margherita nei quali si è discusso sulla nascita del PD, la strada verso il Partito unico del centrosinistra sembra spianata.
Personalmente, ritengo che il nuovo PD non sia necessario in questo momento e che, inoltre, rischi di ghettizzare ancora di più la vera sinistra. In sintesi ecco le perplessità principali:

1) Che ne sarà della sinistra moderata? Verrà assorbita in un calderone con una forte componente ex-democristiana che limiterà ogni tentativo di apertura sui temi etici e laici in generale. Conseguenza? Impossibilità di far diventare l'Italia un Paese laico.

2) Baratro accentuato fra Sinistra "Moderata" e Sinistra "Estremista", quest'ultima sempre più isolata nelle battaglie storiche della sinistra. Conseguenza? Nelle elezioni future il dialogo e l'accordo sui programmi fra il futuro PD e la sinistra sarà più difficile di quanto non lo sia attualmente con la presenza dei DS, cerniera fra sinistra estrema e Margherita.

3) Ho dei seri dubbi sulla tenuta del PD a lungo termine. L'Italia è il Paese dei piccoli interessi di bottega, delle ripicche politiche, del trasformismo, delle scissioni improvvise. Già ora molti esponenti dei DS sono contrari...Conseguenza? Lo splendore di un partito unico di centrosinistra lascerà ben presto il posto agli interessi personali che porteranno a frazionamenti e divisioni. Non siamo ancora pronti per un modello all'americana...

4) La sinistra sta governando o è all'opposizione? Mi risulta che stia governando, pertanto la discussione sul PD e tutto il processo di formazione del nuovo partito stanno togliendo e toglieranno importanti risorse all'Unione, più preoccupata di scegliere il nuovo leader che di attuare il programma di Governo. Conseguenza? Fra 4 anni l'unico vero risultato del Governo sarà la nascita del PD. Peccato che non fosse questo l'impegno preso con gli elettori, stanchi di una politica distante, elitaria, fatta di promesse e di ideali sbandierati.

Ecco quale sarebbe, invece, la situazione ideale:

Accantonare per 4 anni tutte le discussioni sul PD. Governare seriamente e recuperare la fiducia degli elettori ottenendo importanti risultati per il Paese. In questo modo il centrosinistra potrebbe tranquillamente presentarsi alle prossime elezioni in una situazione di forza rispetto alla CDL e vincerle senza alcun problema. A QUESTO PUNTO, si potrebbe iniziare la discussione sul PD pur con i tanti dubbi espressi nei primi 3 punti. Insomma, prima il DOVERE, poi il PIACERE...

Informatore

 

L'Italia che non va

 
 

[24-04-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE