Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Allarme siccità, Tevere a secco

l'estate arriva in anticipo

“Aspettiamo tutto l’anno l’estate per poterne poi parlare male”, diceva Ennio Flaiano e quest’anno gli argomenti contro la stagione calda non mancheranno davvero. Si annunciano infatti mesi di afa con alto rischio di siccità e incendi. A complicare le cose il forte anticipo della bella stagione che, a giudicare dalle temperature di questi giorni, è partita più di un mese prima del previsto.

A farne le spese sarà prima di tutto il Tevere. Il livello delle sue acque è molto al di sotto della media del periodo. Gli esperti spiegano la magra del fiume con lo scarso apporto dello scioglimento delle nevi dovuto alla pressochè totale assenza di precipitazioni durante l’inverno. La magra potrebbe portare a una moria di pesci facilitata dalle temperature elevate.
Una situaizone preoccupante, ma meno seria rispetto a quella del po per il quale si parla già di stato di siccità. Oggi il consiglio dei ministri discuterà l’eventualità di dichiarare lo stato di emergenza idrica per il nostro paese, mentre il responsabile della protezione civile guido bertolaso invita tutti a evitare sprechi grazie a un uso più razionale dell’acqua e della corrente anche all’interno delle abitazioni. Questo dovrebbe aiutare a scongiurare il rischio black out quando i condizionatori saranno a pieno regime.

E visto che la stagione estiva si è presentata in anticipo il comune corre ai ripari con il piano anticaldo. Domani, e non il 1 giugno come stabilito in un primo momento, prende il via il programma antincendio concentrato soprattutto sulla pineta di Castelfusano. Apriranno subito i battenti le oasi per gli anziani, luoghi freschi e assistiti nati per offrire sostegno alla terza  età. Al via anche il cosiddetto Warning System la tecnica in grado di prevere con 48 ore di anticipo i picchi di caldo.

[24-04-2007]

 
Lascia il tuo commento