Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

I pinguini di Mr. Popper

di Mark Waters. Con Jim Carrey, Carla Gugino

di Clelia Verde

Mr. Popper, un importante uomo d'affari di New York con un’assistente con una mania per le parole che iniziano con la lettera P, diventa il padrone di sei pinguini. L'uomo dovrà affrontare molti problemi per prendersene cura, ma presto scoprirà proprio grazie agli animali i veri valori dell'amicizia e della famiglia.

Liberamente tratto dall’omonimo libro per ragazzi del 1938 scritto da Richard e Florence Atwater, uno dei libri più letti nelle scuole elementari americane, I PINGUINI DI MR POPPER è stato realizzato addestrando pinguini veri e mixando il tutto con una giusta dose di immagini generate al computer.

Capitano, Amoroso, Mordicchia, Tontino, Puzzoso e Urlacchia (così chiamati a causa dei loro temperamenti) sono i pinguini della specie Gentoo che affiancano Jim Carrey e lo completano per offrire al pubblico l’immancabile pellicola con animali adatta esclusivamente ai bambini. Alcune scene sono proprio tenere, come quelle in cui viene fuori la passione dei pinguini per i film di Chaplin, verso il quale gli animali provano un sentimento di identificazione. Scontate e sotto tono altre, come quelle girate al Guggenheim dove i pinguini faranno arrabbiare Angela Lansbury.

Carrey rimane un mattatore, alcune gag pinguinesche sono perfette e in certi momenti si ride di gusto. In tutti gli altri, purtroppo, zavorre di buoni sentimenti impediscono al film di decollare. I messaggi sulla famiglia sono perfetti, quelli sull’amore per gli animali e la natura distorti dalla solita retorica dei film con animali destinati ad un target fanciullesco che vuole l’animale troppo umanizzato nei sentimenti. Non male, non bene.

 



votanti: 15
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - waters - carrey - cugino
 

[14-08-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE