Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Operazione antiprostituzione

Alemanno: "ci vuole una legge che definisce la prostituzione un reato"

Retata antiprostituzione della polizia municipale che nella notte ha effettuato dei controlli nelle strade della Capitale. Alla retata antiprostituzione ha partecipato, da spettatore, anche il sindaco Gianni Alemanno con il delegato alla sicurezza Giorgio Ciardi. Le zone perlustrate sono state la via Salaria e via Cristoforo Colombo. 60 prostitute sono state portate al comando generale dei vigili urbani; tra loro anche alcune minorenni. Decine i clienti multati. Dal controllo dei documenti è emerso che circa il 90% sono rumene. Sono state impiegate una ventina di pattuglie, oltre al comandante e al vicecomandante dei vigili urbani, Angelo Giuliani e Donatella Scafati.

ALEMANNO - "Tutto questo è l'immagine di Roma che noi non vogliamo - Ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno - è una piaga che continua a essere presente in città, anche se è molto diminuita negli ultimi anni grazie alle ordinanze che abbiamo fatto e a questi interventi. Il problema vero è che ci vorrebbe una legge che dichiarasse che la prostituzione in strada è un reato - ha aggiunto il sindaco -. Così da intervenire in maniera decisa non solo in termini di repressione, ma anche dal punto di vista sociale. Per levare le persone dalla strada ed evitare che vengano sfruttate".

L'OPPOSIZIONE - “Nonostante le vergognose promesse fatte da Alemanno in campagna elettorale, da tre anni la prostituzione spopola sempre più sulle vie di Roma -critica Marco Miccoli, segretario del Pd romano- Invece di affrontare e risolvere il problema, il sindaco va a fare i filmini e gli spot fra le prostitute".

[29-07-2011]

 
Lascia il tuo commento