Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

La Lottomatica crolla a Cantý

La Virtus che non ti aspetti perde al Pianella di Cantù una brutta partita, giocata quasi con sufficienza, con poca concentrazione. Tanti gli errori dei romani, sia in attacco che in difesa, errori che sommati assieme hanno consegnato nel quarto quarto un vantaggio anche di 20 punti alla Tisettanta. Roma ha sofferto drammaticamente i lunghi canturini - in tre hanno fatturato quasi 50 punti- e se a questo aggiungete 20 palle perse il quadro della partita è pressoché già fatto.

La Virtus soffre già nel primo quarto, tanto che Repesa è costretto a spendere un time out dopo soli 3’, con Cantù in fuga (10-4). I capitolini arrancano, provano a tenersi in partita, ma i rimbalzi (Williams 6 in attacco) e le palle perse (11 nel solo primo tempo) sembrano condannare la Lottomatica. Il secondo quarto prosegue sulla falsa riga del primo, Cantù corre, mette pressione, sporca una gran quantità di palloni. Roma, al contrario, è molle, prevedibile, lenta. E la Tisettanta vola. Bodiroga e Chatman in chiusura di tempo riducono lo svantaggio, ma il punteggio è comunque sfavorevole, 40-32 Tisettanta. Il secondo tempo, se possibile, è ancora più negativo del primo. Roma è in balia delle prepotenze dei lunghi canturini (Shaw 16 nel primo tempo, 20 alla fine), la reazione tarda ad arrivare, e tre triple di Wilson (2 in fila) e McGrath spediscono la Lottomatica a -16. I capitolini rispondono con un mini-parziale di 6-0, ma non vanno oltre. Lo svantaggio non scende mai sotto la doppia cifra. Terzo quarto che si chiude sul 58-46 per Cantù. Il quarto quarto ha un avvio shock per la Virtus che in amen scivola a -20. Ma sul più bello Cantù rallenta, e così il garbage time permette a Roma di chiudere con dieci punti di disavanzo. La buona notizia è che nella corsa al secondo posto la squadra di Repesa non perde punti nei confronti della Vidivici ( sconfitta nettamente a Porto S.Giorgio vs. la Premiata) e di Milano (battuta a sorpresa in casa da Avellino). Tuttavia tra due giorni Roma è attesa a Biella per un nuovo mezzogiorno di fuoco, e la risposta che deve dare al campionato deve essere forte, come forte è ormai la sua candidatura allo scudetto.

QUI VIRTUS

La squadra è stata tutta negativa. Solo Bodiroga e Tonolli hanno tentato fino alla fine di salvare il salvabile. Gli altri un vero disastro. Hawkins ha giocato una partita orribile, al pari di Lorbek (ma allo sloveno possiamo anche concedergliela) e Askrabic. Stefansson è stato irriconoscibile. Malino Giachetti ( 2 infrazioni di passi consecutive), passi indietro in cabina di regia per Chatman. Garri incolore.

Marco De Leo

[20-04-2007]

 
Lascia il tuo commento