Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Captain America: Il primo vendicatore

di Joe Johnston. Con Chris Evans, Hayley Atwell

di Alessio Palma

Stati Uniti, 1941. Dopo aver ripetutamente cercato di arruolarsi nell’esercito per combattere al fianco dei suoi concittadini nelle Forze Alleate, il giovane e gracile Steve Rogers entra a far parte di un programma sperimentale che lo trasformerà nel super soldato conosciuto come Captain America. Nella sua nuova muscolare incarnazione unisce le forze con l’amico Bucky Barnes e la sua confidente Peggy Carter, sotto il comando del colonnello Chester Phillips, per dichiarare guerra all’organizzazione malefica Hydra, la più oscura divisione scientifica nazista, guidata dal malvagio Teschio Rosso.

Nato nel 1941 dall’inventiva di Jack Simon e Joe Kirby e poi sviluppato negli anni ’60 dal genio di Stan Lee, Captain America è uno dei più popolari personaggi della storia del fumetto, uno dei tanti dell’universo Marvel. Ideato con intenti spiccatamente propagandistici, in seguito li perderà in favore di una maggiore introspezione. Il film diretto da Joe Johnston è il secondo a lui dedicato, dopo uno sfortunato precedente risalente al 1990.

CAPTAIN AMERICA è un dignitoso cinecomic che, senza spiccare per qualità particolari, riesce comunque a mantenersi fedele allo spirito originario del fumetto. Nonostante la realizzazione in 3D, è un’avventura di stampo classico, dai tratti poco moderni a cominciare dagli effetti speciali non troppo invasivi. Il film opta per una ricostruzione il più possibile accurata dell’America dei primi anni ’40, con un effetto rètro esemplificato dalla tonalità seppia della fotografia e, malgrado qualche inevitabile impennata patriottica, tiene a bada il rischio di eccessiva retorica.

Il bilanciamento tra sequenze d’azione e momenti più dialogati è molto accorto, anche se questo va a tratti a scapito del ritmo. E la tenuta narrativa non cede, merito di una sceneggiatura elementare ma priva di buchi, a dimostrazione che a Johnston interessa il racconto tanto quanto l’azione. Qualche riserva sugli attori principali: Evans e la Atwell risultano piuttosto legnosi mentre Stanley Tucci e Tommy Lee Jones, utilizzati in ruoli secondari, sono perfetti. Niente d’imperdibile ma due ore piacevoli senz’altro.
 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[21-07-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE